Caricamento in corso...
20 agosto 2010

La squadra del Ramadan: Kakà e Owen pregano in moschea

print-icon
owe

Kakà e Owen avvistati a Melilla assorti nella preghiera: saranno realmente loro?

Miracoli del calcio: nel mese del Ramadan ecco che Kakà, cristiano evangelico molto devoto, si genuflette nell'atto della preghiera in una moschea. Due posizioni più in là ecco Michael Owen... non c'è più religione

Nel mese del Ramadan i musulmani si devono astenere dal mangiare, bere e devono rinunciare ai rapporti sessuali dall'alba al tramonto. Un sacrificio che rende ancor più difficile la preparazione estiva di quei calciatori praticanti già impegnati nei ritiri con le rispettive squadre.

C'è modo e modo di osservare il Ramadan, i più rigorosi riescono realmente a non bere nelle ore diurne, cosa quasi proibitiva per chi pratica sport. Se pensate che ciò non sia possibile potete chiedere a Papa Waigo, Kharja, Sissoko, Ghezzal... oppure a Owen e Kakà.
Proprio lui, ma non ditelo alla "pastora"! Caroline Celico potrebbe non prenderla bene. Una foto scattata a Melilla ritrae un fedele nell'atto della preghiera, che indossa proprio la maglia dell'evangelico Ricardo Kakà. Due posizioni a lato un fan del Wonder Boy inglese Michael Owen. Il calcio unisce, si sa, ma questa non si era ancora vista.

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky