09 settembre 2010

David Villa solidale con i minatori cileni: inviate 2 maglie

print-icon
con

David Villa, detto El Guaje (il ragazzino, in asturiano) ha molto a cuore la causa dei minatori, conoscendone la dura realtà

L'attaccante del Barcellona e delle Furie Rosse, figlio e nipote di minatori, ha consegnato le magliette attraverso la direttrice delle Relazioni Esterne del giornale spagnolo "Mundo Deportivo". Una è per l'ex giocatore Franklin Lobos

Il calciatore spagnolo David Villa, campione del mondo in Sudafrica con la sua nazionale, ha inviato due magliette autografate del Barcellona ai 33 minatori bloccati a 700 metri sotto terra in Cile. Villa, figlio e nipote di minatori, ha consegnato le magliette attraverso la direttrice delle Relazioni Esterne del giornale spagnolo "Mundo Deportivo", Cristina Cubero.

Il goleador che ad otto anni ha visto come suo padre sopravvisse ad un incidente nel quale morirono altri quattro minatori, "era molto preoccupato" per la sorte dei minatori cileni. "Quando David firmava le magliette, quasi piangeva, perché conosce giorno per giorno cosa vivono i minatori", ha spiegato la giornalista spagnola. Una delle maglie è per tutti i minatori e l'altra è per Franklin Lobos, ex centrocampista della nazionale cilena negli anni '80. Daniela Lobos, figlia dell'ex calciatore, ha ringraziato per il regalo. "Mio papà è molto contento", ha assicurato.

Guarda anche:
Minatori sepolti in Cile, c'è anche l'ex calciatore Lobos

La partita sottoterra: i minatori hanno visto Ucraina-Cile

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky