Caricamento in corso...
21 settembre 2010

"Kill Paul octopus": un film cinese senza pietà per il polpo

print-icon
loc

La locandina del film "Kill Paul octopus"

Il cefalopode profeta degli ultimi Mondiali al centro di un thriller diretto dalla regista Xiao Jiang: uscirà in Asia in ottobre. Locandina splatter, sangue e armi dovunque. Ma l'eroe di Oberhausen è salvo. E stasera lo festeggiano all'Elba. IL VIDEO

di LORENZO LONGHI

Con i cinesi non gli è andata bene. Insanguinato, ben poco reattivo benché ormai inservibile come cibo, vagamente splatter: così appare il povero polpo Paul, il cefalopode oracolo dei passati Mondiali, sulla locandina di un thriller cinese che uscirà sugli schermi asiatici il prossimo 22 ottobre. Il titolo? “Kill Paul Octopus”.

Niente paura: l'eroico cefalopode dell’acquario di Oberhausen, capace di azzeccare i risultati di otto gare e salvare i tentacoli pur avendo previsto l'eliminazione della Germania, c'entra ben poco con il film, del quale da pochi giorni gira in rete il trailer. Una storia che, a quanto pare, racconta di scommesse, omicidi, terroristi e pallone, accozzaglia di temi legati fra loro da una sceneggiatura per la quale il Mondiale sudafricano è un pretesto. Ma nel trailer, fra lame, revolver e altre armi più o meno ingegnose, non mancano l'inquadratura del Green Point Stadium di Cape Town, tanto per contestualizzare, una Coppa del Mondo insanguinata e un improbabile omino del calciobalilla assassinato, che nell’ineffabile percorso semiologico del film lascia trasparire una velata minaccia…

In realtà il film - nel cui cast compaiono anche due noti commentatori televisivi calcistici cinesi - si sarebbe dovuto intitolare “Ran Qing Shi Jie Bei”, cioè più o meno "La leggenda della Coppa del Mondo", ma l’apparizione sulla scena mediatica internazionale dell’infallibile polpo ha convinto la regista Xiao Jiang dell’opportunità di cambiare il titolo, perché “parlando di scommesse abbiamo deciso di inserire anche questo strepitoso profeta”.

E l'Elba lo festeggia stasera -
"Altro che inglese, il polpo Paul è italiano, e per la precisione dell'isola d'Elba. Quindi, giù le mani dal polpo Paul". Ci mancava anche questa adesso, la rivendicazione della cittadinanza della povera star planetaria Paul. Già, proprio lui, il polpo che ha stupito il mondo indovinando otto risultati su otto ai mondiali di calcio, è al centro di una contesa internazionale. E Marina di Campo, nelle cui acque il polpo più famoso del mondo è stato pescato, in occasione dei suoi primi sei mesi di vita gli dedicherà una festa speciale, questa sera (dalle 21.30, in piazza Dante), con tanto di certificato di nascita autentico per fugare ogni dubbio sulla sue vere origine, vale a dire italiche e non inglesi. Il polpo, che come detto vive nell'acquario di Oberhausen, in Germania, è stato pescato e addestrato da Verena Bartsch, 22enne tedesca che sarà presente alla festa per riportare la sua testimonianza sulla vera cittadinanza di Paul.


Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky