Caricamento in corso...
17 ottobre 2010

Serbia, 1 milione di euro per scatenare la guerra a Belgrado

print-icon
kur

Dopo gli scontri del Gay Pride e di Marassi c'è grossa apprensione per il derby di Belgrado, come dimostra l'articolo pubblicato dal Kurir

Secondo quanto riportato dal quotidano Kurir, gli scontri del Gay Pride e di Marassi sarebbero solo l'anteprima delle violenze previste per sabato 23 ottobre al Marakana per l'attesissimo e pericolosissimo derby tra Stella Rossa e Partizan

L'album: Serbia, follia hooligans a Genova

Italia-Serbia: gli scontri dai filmati su You Tube

Un milione di euro agli hooligan di Belgrado per scatenare il caos in occasione del derby Stella Rossa-Partizan in programma sabato nella capitale serba: a riferirlo è oggi con grande evidenza il quotidiano popolare Kurir, che contribuisce in tal a far salire ulteriormente l'attesa e la tensione in vista della stracittadina. 'Un milione di euro per creare il caos al derby', titola il giornale a caratteri cubitali in prima. E aggiunge: "Per il 23 ottobre si prepara la guerra nelle strade di Belgrado".

"Gli incidenti degli hooligan domenica al Gay Pride e due giorni più tardi alla partita Italia-Serbia di Genova sono stati solo l'anteprima delle violenze che gli estremisti preparano per il 23 ottobre, al derby fra Stella Rossa e Partizan", scrive Kurir secondo cui la polizia presidierà in forze sabato Belgrado con più di 5 mila agenti.

Il presidente serbo, Boris Tadic, in una intervista oggi al quotidiano Politika, ha detto che dietro agli hooligan serbi vi e' la criminalita' organizzata, interessata a destabilizzare la Serbia. Ieri sempre Politika aveva riferito che esponenti del crimine organizzato avrebbero pagato 200 mila euro a decine di hooligan per organizzare le violenze e gli scontri allo stadio di Genova. Il derby allo stadio Maracanà di Belgrado fra Stella Rossa e Partizan - le due squadre della capitale opposte da una storica rivalità - è ancora in forse per il rischio reale di gravi incidenti. Le autorità sembrano disposte a farlo giocare, ma l'ultima parola spetta alla polizia, che potrebbe decidere di farlo giocare a porte chiuse o di rinviarlo.

Chi è Ivan "la Bestia" Bogdanov, il capo ultras


Il Viminale: "La Serbia non ci ha segnalato i rischi"


Ultras Serbia, se l'estrema destra condiziona la politica

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky