Caricamento in corso...
31 ottobre 2010

Scandalo Mondiali 2018, la Russia smentisce accuse di brogli

print-icon
fif

Continuano le smentite su uno scandalo che coinvolgerebbe la Fifa per l'assegnazione dei Mondiali del 2018

Andreas Harren, responsabile della comunicazione per la candidatura russa a ospitare la coppa del mondo 2018, ha smentito qualsiasi accusa di corruzione nei confronti del delegato della Fifa, il nigeriano Amos Adamu

Commenta nel forum di calcio internazionale

Il Comitato organizzatore della Russia per i mondiali di calcio del 2018 ha respinto le recenti accuse di corruzione per assicurarsi i voti di alcuni membri dell'esecutivo della Fifa. Andreas Herren, responsabile della comunicazione internazionale del comitato russo, ha rilasciato delle dichiarazioni dopo che il "The Sunday Times" ha chiesto risposte alle accuse che la Russia aveva offerto incentivi al delegato della Nigeria, Amos Adamu. Lo stesso Adamu, infatti, è uno dei due membri dell'esecutivo della Fifa sospesi provvisoriamente, una settimana fa, dopo l'uscita di un video nel quale sembrava apparentemente essere corrotto da un giornalista spacciatosi per "lobbysta" di uno dei comitati che aspiravano ad essere la sede del Mondiale del 2018. Il dirigente nigeriano ha negato di aver agito in maniera scorretta.

Secondo Herren "il Comitato russo per i Mondiali del 2018 sta promuovendo la candidatura della Russia tra i membri della famiglia del calcio internazionale e dei membri del comitato esecutivo della Fifa. Come parte di questo sforzo - spiega il responsabile media del comitato russo -, i rappresentanti del Comitato per la candidatura si sono recati a grandi manifestazioni internazionali di calcio per presentare i pregi della candidatura russa. Un elemento essenziale di  questo lavoro è quello di accogliere i membri del comitato esecutivo della Fifa in Russia, una modus operandi che non è vietato dai regolamenti della Fifa e che è sempre stato condotto secondo le regole della Fifa, vale a dire, con la notifica al segretario generale della Fifa".

Herren spiega anche che "il signor Amos Adamu ha visitato la Russia dal 28 al 31 agosto di quest'anno. Durante il suo soggiorno a Mosca gli sono stati mostrati gli elementi chiave della candidatura, attraverso una serie di presentazioni e visite. Tuttavia, vogliamo dichiarare categoricamente che non ha mai ricevuto alcuna offerta di assistenza nella costruzione di campi da tennis o nella formazione di giocatori o di qualsiasi altri tipo di aiuto".

Leggi anche
Blatter: "Il 2 dicembre voteremo per i Mondiali 2018 e 2022"
Scandalo voti, la Fifa chiede le prove al Sunday Times
Scandalo Euro 2012, Abete: "La Uefa ha aperto un'indagine"

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky