15 novembre 2010

Messi svela i suoi obiettivi: "Coppa America e Mondiale"

print-icon
leo

Il Pallone d'Oro in carica ha nel mirino i traguardi più prestigiosi, a cominciare dalla prossima Coppa America: "Giocheremo davanti al nostro pubblico". Parole di stima per Pastore: "Ha tutto per diventare un grande. Andrà lontano, ne sono certo"

Lionel Messi a tutto campo in una lunga intervista sul sito della Fifa. La stella dell'Argentina e del Barcellona, Pallone d'Oro in carica, ha nel mirino tutti gli obiettivi più prestigiosi, a cominciare dalla prossima Coppa America, "che giocheremo davanti al nostro pubblico", per giungere ai Mondiali di calcio nel 2014. Fa i complimenti a Javier Pastore per le magie con la maglia del Palermo, riconosce a José Mourinho di aver dato un volto nuovo al gioco del Real Madrid, auspica che il Pallone d'Oro 2010 vada ad uno tra Xavi e Iniesta, suoi compagni al Barcellona, e parla dell'amichevole che mercoledì l'Argentina giocherà contro il Brasile.

Pastore in rosanero sta mostrando di partita in partita il suo valore. E Messi gli pronostica un futuro radioso: "A Palermo sta mostrando progressi enormi. Lo conoscevo già quando era nell'Huracan e l'ho apprezzato anche all'ultimo Mondiale, anche se ha giocato poco. Ha tutto per diventare un grande. Andrà lontano, ne sono certo". Il Mondiale vinto in Sudafrica, è convinto Messi, peserà non poco nella scelta del prossimo Pallone d'Oro. Per questo gli spagnoli del Barcellona "sono avvantaggiati". E se non dovesse rivincere lui il prestigioso trofeo, "allora spero che sia uno di loro. I nomi di Xavi ed Iniesta circolano già".

E tra gli allenatori, chi meriterebbe? "Personalmente premierei Pep Guardiola, non solo perché è un vincente, ma anche per la sua filosofia di gioco. Però non posso dimenticare Mourinho". Dopo i trionfi con l'Inter, il tecnico portoghese è arrivato in Spagna "ed ha dato un volto nuovo al Real Madrid".

Si avvicina l'amichevole Argentina-Brasile, una sfida mai banale. "Sono impaziente di giocarla - assicura Messi. Al torneo olimpico di Pechino li abbiamo sconfitti 3-0, ma con la squadra maggiore non ho mai vinto", anzi "ho perso la finale della Coppa America in Venezuela". "Ma per tutto c'è una prima volta... E poi sarà l'occasione per riabbracciare Ronaldinho, che per me è come un fratello", conclude.

Commenta nel forum di calcio internazionale

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky