Caricamento in corso...
28 novembre 2010

Miracolo: squadra israeliana ingaggia un attaccante arabo

print-icon
kal

Soldati israeliani in pattuglia: il calcio può avvicinare la pace

"Il calcio avvicina le persone in tutto il mondo": con queste parole il giovane attaccante Jad Sarsur spiega oggi la decisione di indossare la maglia del Betar Ariel, la squadra in serie C di una città-colonia israeliana in Cisgiordania di 20mila abitanti

Commenta nel forum di calcio internazionale

"Il calcio avvicina le persone in tutto il mondo": con queste parole il giovane attaccante Jad Sarsur spiega oggi la decisione di indossare la maglia del Betar Ariel, la squadra di una città-colonia israeliana in Cisgiordania di 20 mila abitanti. Jad Sarsur, precisa il quotidiano Yediot Ahronot, è un arabo israeliano che adesso farà la spola fra la sua città di Kfar Kassem e l'insediamento nei Territori occupati.

Sarsur - che ha già giocato in diverse squadre arabe israeliane - assicura di essere stato accolto a braccia aperte ad Ariel e di aver indossato con orgoglio la nuova maglia sui spicca il simbolo del movimento nazionalista ebraico Betar: un candelabro a sette bracci. A Gerusalemme i tifosi della squadra locale del Betar sono noti per le loro tendenze di destra e si oppongono all'ingaggio nella loro squadra di giocatori arabi: ma ad Ariel, assicura Sarsur, l'atmosfera è rilassata e nei suoi confronti non è stata mostrata alcuna animosità.

Il calciatore ha anche criticato quegli attori teatrali israeliani che si sono rifiutati di esibirsi nel nuovo Palazzo della cultura di Ariel, in quanto si trova in zone occupate militarmente. "I boicottaggi - replica Sarsur - sono sbagliati e negativi". Il Betar Ariel partecipa a un campionato di Serie C e, secondo Yediot Ahronot, mantiene stretti rapporti di collaborazione con altre squadre arabe, fra cui quelle Kfar Kassem e di Tira, in territorio israeliano. Sarsur, da parte sua, continua ad allenare la squadra giovanile di Kfar Kassem e sogna di diventare un giorno un allenatore importante. I dirigenti del Betar Ariel affermano che Sarsur "è già parte della nostra famiglia" e assicurano che il giocatore parteciperà non solo agli allenamenti e alle partite "ma sarà anche invitato alle feste private".

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky