Caricamento in corso...
07 dicembre 2010

Cantona, fallisce per ora la sua eroica crociata anti-banche

print-icon
eri

Eric Cantona aveva lanciato un appello contro il sistema predatorio delle banche

L'ex stella del calcio francese e del Manchester United aveva lanciato un appello: "Se 20 milioni di risparmiatori ritirassero contemporaneamente i loro soldi dai conti correnti, il sistema crollerebbe". Oggi il giorno della conta, ma i seguaci sono pochi

Uniti contro le banche: l'iniziativa di Cantona

La sfida anti-bancaria dell'ex stella del calcio francese e del Manchester United, Eric Cantona trova pochi seguaci. Oggi Cantona ha ritirato "più di 1.500 euro" dal suo conto in una filiale della Bnp Paribase della cittadina di Albert, nel nord della Francia. Il gesto intendeva concretizzare il suo appello lanciato in un'intervista a un giornale francese in cui aveva detto che "se 20 milioni di risparmiatori ritirassero contemporaneamente i loro soldi dai conti correnti, il sistema crollerebbe".

L'ex campione aveva poi dato appuntamento al 7 dicembre a tutti quelli che volessero imitarlo, ritirando i loro risparmi dalle banche. Politici e banchieri francesi ed europei avevano definito irresponsabile, ingenua e controproducente questa sua provocazione contro le banche, che comunque aveva fatto il giro del web e aveva trovato molti seguaci su Facebook. Al momento della verità però, sono molto pochi quelli che hanno veramente messo in pratica la proposta. "Non ci siamo accorti di niente" commenta Didier Borriello, banchiere del Credit Lyonnais del sud di Marsiglia, la città natale di Cantona. E come lui la maggior parte degli operatori bancari interpellati ha confermato che nelle banche la situazione è più che normale. A Contana aveva replicato perfino il ministro francese deklle Finanze, Chrustine Lagarde, secondo la quale "ognuno deve fare il suo mestiere. C'è chi gioca benissimo a calcio, io non ci proverei mai. Ognuno dovrebbe dire la sua in base alle sue competenze".

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky