21 dicembre 2010

Panchina Inter, nessuno la vuole. Mou e Spalletti dicono no

print-icon
mor

L'ultimo abbraccio tra Mourinho e Moratti: era la serata della finale di Champions

Il portavoce dello Special One allontana le voci di un possibile incontro a Madrid tra l'allenatore e Moratti. "Mourinho non abbandona mai un progetto dopo un solo anno". Intanto lo Zenit blinda Spalletti: "Resta con noi anche nella prossima stagione"

Aspettando che Moratti rompa il silenzio, parlano i portavoce. Non dell'Inter, bensì quelli degli allenatori che nelle ultime ore sono stati accostati alla panchina nerazzurra.

La prima smentita è arrivata da Eladio Parames, portavoce di Mourinho, che si è affrettato ad allontanare le voci di un possibile incontro tra lo Special One e il presidente dell'Inter: "Non c'è stato e non ci sarà nessun contatto a Madrid tra José Mourinho e Massimo Moratti, non avrebbe senso", ha dichiarato dopo che si era sparsa la voce di un colloquio tra i due nella capitale spagnola, dove Moratti è arrivato per una cena di lavoro ieri sera. Parames ha assicurato che Mou "al Real Madrid ha un contratto e lo rispetterà" e definisce "speculazioni" le voci su altri possibili scenari.
Ma a fine stagione se ne potrebbe andare? "Credo sia difficile, ma nel calcio non si può mai dire: dipenderà dalla stagione, dal club, ma non è normale che Mou esca da un progetto dopo un solo anno, non l'ha mai fatto", assicura il portavoce del tecnico di Setubal.

Altro "no, grazie" da Spalletti, con una dichiarazione che giunge da un portavoce dello Zenit San Pietroburgo: "Spalletti sarà l'allenatore dello Zenit anche nella prossima stagione, lui stesso ha più volte dichiarato che resterà con noi". Le voci su un presunto contatto con l'Inter, alla ricerca di un tecnico per il vice-Benitez, secondo il portavoce dello Zenit "non corrispondono alla realtà".


Commenta nel forum di Calcio Internazionale

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky