Caricamento in corso...
11 gennaio 2011

Facce da Pallone d'oro: la vittoria di Messi alla moviola

print-icon
spo

La premiazione del Pallone d'oro e le tre espressioni dei protagonisti

Ecco il filmato che analizza le espressioni dei tre candidati all'ambito premio: l'impassibile Iniesta, l'incredula "Pulce" e la smorfia di un poco convinto Xavi. E poi il brindisi del vincitore in aereo: "Forse meritavano più loro...". GUARDA I VIDEO

Da Owen a Messi II: 10 anni di Pallone d'Oro

Intervista all'unico giurato italiano: il no a Milito

La moviola del Pallone d'oro - Solo il più grande può vincere segnando un autogol. Leo Messi silura Iniesta e Xavi, il Pallone d'oro lo vince comunque il Barcellona, ma non la Spagna. Più dello stupore dell'attaccante, a dire tutto è la faccia del suo allenatore. Tutti si aspettavano Iniesta. I giornalisti - fino all'anno scorso unici elettori del Pallone d'oro - avevano scelto Sneijder. Ma allora perché ha vinto l'argentino? L'annuncio va visto e rivisto alla moviola come fosse un'azione di gioco...

Guardiola apre la busta, legge il nome ma non lo pronuncia subito: prima gira il foglio, per essere sicuro che non ci sia scritto un altro nome, quello di Iniesta. Che resta impassibile, si volta verso il compagno e applaude. L'ennesimo gesto di fair play. Più rivelatrice la reazione del terzo candidato, Xavi.

Mentre Guardiola apre la busta, è lui, Xavi, il meno teso. Ha sempre saputo che non avrebbe vinto, ma all'annuncio non trattiene una smorfia. La stessa che hanno fatto gli italiani all'esclusione di Sneijder. Messi, invece, sorride. Ma la sua sorpresa è genuina.

Anche il papà di Leo sembra dire di no a chi gli chiede: ma tu lo sapevi? Per capire perché Messi ha vinto, allora, bisogna tornare sul palco e osservare un altro protagonista. Blatter è lì, a controllare. La giocata più difficile dell'anno l'ha fatta lui. Con una magia ha dato il premio che non è più di una giuria specializzata, e forse nemmeno dei ct e dei capitani, a chi voleva lui. Al più grande, anziché al più vincente. All'icona universale, al più amato dagli sponsor e dai bambini. Che sui campetti di tutto il mondo giocano con la sua maglia, mica con quella di Iniesta o Xavi. Per questo ha vinto lui.

Il brindisi - E poi in aereo, con un brindisi tra tanti sorrisi per festeggiare la "Pulce" durante il viaggio di ritorno a Barcellona. Messi confessa: "Forse lo meritavano più loro...". Campione fino in fondo.



Pallone d'oro, ecco come hanno votato i 500 giurati:

Guarda i voti dei capitani

Guarda i voti dei ct

Guarda i voti dei giornalisti

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky