Caricamento in corso...
19 febbraio 2011

Sciopero dei botteghini, fermo il campionato in Uruguay

print-icon
uru

Una fase del sentito derby di Montevideo tra Nacional e Penarol (Getty)

Braccio di ferro tra i funzionari responsabili delle biglietterie degli stadi e l'associazione calcistica di Montevideo. Il risultato è la paralisi quasi totale del torneo Apertura, con una sola partita che si disputerà nel fine settimana

I funzionari responsabili delle biglietterie degli stadi del torneo Apertura del campionato uruguaiano hanno deciso di paralizzare tutta l'attività del calcio. Delle sette partite in programma nel fine settimana si giocherà soltanto  Tacuarembò-Wanderers. La crisi è scoppiata in seguito alla mancata risposta dell'Asociacion Uruguaya de Futbol (AUF) ai continui reclami di regolarizzazione da parte dei funzionari. I portavoce del sindacato hanno spiegato che, da circa un anno, inviano invano solleciti affinchè l'AUF risolva i problemi relativi al pagamento dei salari, ai premi e alle ferie.

Il presidente dell'AUF, Sebastian Bauzà, ha dichiarato di non avere un piano di riserva, affermando inoltre che non si ricorrerà a un servizio alternativo per vendere i biglietti negli stadi. Gli arbitri e i fornitori hanno anticipato che, qualora non si dovessero trovare delle soluzioni, solidarizzeranno con i funzionari in modo che la crisi possa  estendersi.

L'AUF sta attraversando un periodo di crisi  finanziaria che minaccia l'intera struttura istituzionale. Durante questi giorni si stanno portando avanti delle trattative relative ai diritti televisivi di alcune partite di qualificazione ai Mondiali di Brasile del 2014 e ad altri diritti di immagine della nazionale. Una volta risolto questo punto, l'AUF sarà nelle condizioni di firmare un accordo con l'Instituto Nacional de Carnes (INAC), che stanzierà 2 milioni di dollari, in cambio di spazi pubblicitari per promuovere la carne,  principale prodotto di esportazione del paese.

Commenta nel Forum del Calcio Internazionale

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky