Caricamento in corso...
08 marzo 2011

Italia-Serbia, Ivan la Bestia condannato a 3 anni e 3 mesi

print-icon
bog

Ivan Bogdanov è stato condannato a tre anni e tre mesi di carcere per gli scontri di Marassi (Getty)

Bogdanov, che guidò gli scontri lo scorso 12 ottobre dentro e fuori lo stadio di Marassi, processato in giornata a Genova insieme ad altri tre connazionali. I reati contestati: resistenza aggravata a pubblico ufficiale e danneggiamento. I VIDEO E LE FOTO

L'album: Serbia, follia hooligans a Genova

E' stato condannato a tre anni e tre mesi di carcere Ivan Bogdanov, uno dei quattro ultrà serbi processati oggi con rito abbreviato per gli scontri che provocarono la sospensione della partita Italia-Serbia , lo scorso 12 ottobre, allo stadio Luigi Ferraris di Genova. Il gup Annalisa Giacalone ha condannato gli altri ultrà Daniel Janjic a due anni e otto mesi, Nicola Klicovic a tre anni e Srdan Jovetic a due anni e sei mesi.

Per il momento non sono state fatte istanze per la rimessione in libertà. A tutti sono state concesse le attenuanti generiche. Le pene per tutti e quattro riflettono le richieste avanzate dal pubblico ministero Cristina Camaiori. I reati loro contestati, a vario titolo, sono quelli di resistenza aggravata a pubblico ufficiale e danneggiamento aggravato. Contestati, in base alla legge del 13 dicembre '89, anche i reati in materia di comportamenti all'interno degli stadi.



Ivan Bogdanov, soprannominato anche 'Ivan il terribile', era stato ripreso dalla televisione mentre, con il viso travisato da un passamontagna, incitava i suoi connazionali. Dopo l'arresto aveva detto che non era sua intenzione far sospendere la partita e aveva chiesto scusa all'Italia e agli italiani.

Commenta nel forum degli azzurri

Guarda anche:
Italia-Serbia, niente calcio. Vince la violenza

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky