Caricamento in corso...
05 aprile 2011

Rooney e le parolacce: ora rischia due turni di squalifica

print-icon
roo

Wayne Rooney festeggiato dai compagni dopo il terzo gol al West Ham (Getty)

L'attaccante del Manchester United Wayne Rooney è oggetto di un procedimento disciplinare della Federcalcio inglese per una sequela di imprecazioni pronunciate davanti alle telecamere dopo aver segnato il suo terzo gol nella partita di sabato col West Ham

L'attaccante del Manchester United Wayne Rooney è oggetto di un procedimento disciplinare della Federcalcio inglese (Fa) - e rischia due giornate di squalifica - per una sequela di imprecazioni pronunciate davanti alle telecamere dopo aver segnato il suo terzo gol nella partita di campionato vinta sabato scorso sul campo del West Ham per 4-2.

"La Fa ha accusato Wayne Rooney per l'uso di un linguaggio offensivo, insultante e/o volgare in relazione ad un incidente durante la partita della sua squadra con il West Ham United. Rooney ha tempo fino alle 18 del 5 aprile per rispondere all' accusa", afferma un comunicato diffuso nella serata di lunedì.

Se riconosciuto colpevole, il nazionale inglese salterà la partita casalinga di Premier League contro il Fulham, sabato prossimo, e la semifinale di Coppa d'Inghilterra contro il Manchester City, il 16 aprile. L'attaccante, 25 anni, si era scusato dopo l'incontro, sostenendo di aver agito d'impulso, nell'eccitazione del momento per aver segnato la tripletta, e che le sue parolacce non erano rivolte contro nessuno in particolare. Le imprecazioni di Rooney avevano fatto il giro del mondo e anche Sky aveva presentato in diretta le sue scuse.

Commenta nel forum del calcio internazionale

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky