Caricamento in corso...
07 aprile 2011

Rooney, lo sponsor non perdona: la Coca Cola lo licenzia

print-icon
way

Ancora guai per Wayne Rooney, il bad boy del Manchester United (Getty)

La famosa marca di bibite ha rescisso il contratto da 600.000 sterline l'anno con il centravanti del Manchester United, accusato di tenere comportamenti poco professionali, sia dentro che fuori dal campo

Il rovescio della medaglia: quelli che segnano volando
Jennifer, la escort che fa tremare Rooney

La Coca Cola 'licenzia' Wayne  Rooney. Il colosso delle bibite non rinnovera' il contratto  dell'attaccante del Manchester United, impiegato come testimonial dal  2005. Rooney, autore ieri del gol nel successo per 1-0 sul campo del  Chelsea nell'andata dei quarti di Champions, perde cosi' il munifico contratto da 600.000 sterline all'anno. Secondo i media inglesi, paga  un prezzo carissimo per i comportamenti poco ortodossi tenuti in campo e fuori. La Coca Cola non apprezza l'immagine del giocatore che nel 2010  ha rischiato di mandare all'aria il matrimonio per una relazione  extraconiugale con una escort. Rooney ha salvato il rapporto con la  moglie Coleen ma non ha fatto abbastanza per conservare la stima del  partner commerciale. Nelle ultime settimane, poi, la situazione e'  definitivamente precipitata: il giocatore ha rimediato una squalifica di 2 giornate per le oscenita' proferite davanti ad una telecamera nel match vinto 4-2 dal Manchester sul campo del West Ham.

Rooney, autore di una tripletta, ha 'esultato' in maniera  rivedibile e poco ortodossa dopo il gol del provvisorio 3-2. La  sanzione, confermata oggi dalla federcalcio inglese (Football  Association) impedira' a Rooney di giocare la sfida di Premier League  contro il Fulham in programma sabato e il derby della semifinale di FA Cup contro il Manchester City del 16 aprile. "Mi dispiace saltare due partite, una delle quali e' una semifinale di FA Cup a Wembley", ha  detto la star dei Red Devils, che si e' scusato per il comportamento tenuto in campo.

"Non sono il primo giocatore a dire oscenita' in  tv e non saro' l'ultimo. Al contrario di altri che sono stati ripresi  dalle telecamere, io mi sono scusato immediatamente: ma sono l'unico  squalificato per aver pronunciato frasi volgari. Non mi sembra giusto, ma devo accettare la situazione e andare avanti", ha aggiunto. La delusione del Rooney calciatore e' palpabile. Il Rooney uomo  d'affari, pero', puo' dormire sonni tranquilli. Il campione e' ancora  il testimonial di brand come Nike e EA Sports. Con la casa editrice  Harper Collins, poi, ha gia' pubblicato 'The Way It Is'. In totale,  tra ingaggio e sponsorizzazioni, incassa circa 1 milione di sterline  al mese.

Commenta nel forum del calcio internazionale

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky