05 maggio 2011

Materazzi: così io e Zidane ci siamo scusati dopo 4 anni

print-icon
zid

La testata più famosa della storia dell'umanità tra Matrix e Zizou (Getty)

A un giornale francese Matrix spiega come è avvenuta la riconciliazione con Zizou dopo la celeberrima testata presa nella finale dei Mondiali 2006. Pace sancita (definitivamente?) lo scorso novembre in un hotel di Milano. GUARDA LE FOTO

FOTO: Follie da campo: i campioni perdono la testa - Quando anche i giocatori vedono rosso: i cattivoni

"Ci siamo tesi la mano e gli ho detto: 'Senti, sono dispiaciuto per ciò che è successo, ora è finita' ": questo il film della riconciliazione tra Marco Materazzi e Zinedine Zidane, secondo quanto racconta lo stesso difensore dell'Inter, che in un'intervista al giornale francese So Foot ritorna sulle polemiche legate alla finalissima Italia-Francia nel mondiale di calcio del 2006. Materazzi racconta che la pace tra i due è stata sancita lo scorso novembre, un po' per caso, quando i due si sono ritrovati faccia a faccia nel parcheggio di un hotel Milano.

Alle parole del calciatore italiano, Zidane ha subito replicato: "No, no, nessun problema, non ti preoccupare". A quel punto, racconta ancora Materazzi, ci siamo stretti la mano ed è finito tutto: "Da uomo a uomo, non c'è stato nulla di più bello". Nell'intervista, Materazzi critica anche la Fifa, che nella polemica con Zidane dopo la capocciata di quest'ultimo nella finalissima, poi vinta dagli azzurri ai rigori, non è stata giusta con lui. "La FIFA - dice Materazzi - mi ha convocato ma non ha permesso al mio avvocato di discutere con la commissione disciplinare o con chi giudica. Ciò significa che la decisione era stata già presa. Avevano giusto bisogno di tutelare Zidane, e farmi passare per cattivo.  Non poteva essere più sporca di così..."'.



Sempre secondo So Foot, Marco vorrebbe regolare i conti con il presidente della FIFA, Sepp Blatter: "So che parla italiano, potremmo scambiare qualche parola tranquillamente. Presto o tardi succederà. Fare la pace davanti alla FIFA, davanti a Blatter, è pubblicità. Ma fare la pace in un parcheggio secondario di un hotel - ha concluso Materazzi riferendosi alla riconciliazione con Zidane - è stato come due amici o due nemici che si incontrano, si stringono la mano ed ecco tutto". Vicenda chiusa. Speriamo, almeno.