Caricamento in corso...
14 giugno 2011

Un vulcano minaccia la Copa America: slitta l'inizio?

print-icon
vul

Un suggestivo scatto della nube di ceneri emessa dal vulcano cileno Puyehue (Getty)

La nube di ceneri emessa dall'eruzione del vulcano cileno Puyehue ha costretto diversi aeroporti argentini alla chiusura e potrebbe costringere a ritardare il debutto del torneo, previsto per l'1 luglio. Grondona: "Spero la situazione si risolva". VIDEO

Copa America 2011 - lo Speciale - il Calendario

Ricordate il vulcano Eyjafjallajokull? Ecco i disagi che provocò allo sport


FOTO: le spettacolari immagini dell'eruzione del vulcano Puyehue

Il presidente dell'Afa, Julio Grondona, ha ammesso che le precipitazioni delle ceneri che continua ad emettere, sia pure in modo minore, il vulcano cileno Puyehue potrebbe costringere l'organismo a prorogare l'inizio della Coppa America, previsto per il prossimo 1 luglio. "Mi auguro comunque che entro cinque o sei giorni, tutto ciò possa essere finito", ha precisato Grondona in un'intervista radiofonica.

Negli ultimi giorni la grande nube di ceneri che, partendo dal Cile, è arrivata in Argentina, Uruguay e sud del Brasile, ha provocato un'ennesima e generalizzata chiusura di aeroporti, mentre nella Patagonia argentina, oltre 1.500 chilometri al sud di Buenos Aires, parecchie città sono in stato d'emergenza. Oggi, la tv statale ha interpellato un esperto, secondo il quale, sia pure in continuo calo, il Puyehue dovrebbe continuare ad emettere ceneri per almeno un'altra decina di giorni.

Nubi (di un vulcano) sulla Copa America? Discutine nei nostri forum

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky