Caricamento in corso...
04 luglio 2011

Anche la Turchia ha la sua Calciopoli: 46 arresti

print-icon
fen

Un'immagine dell'ultimo derby di Istanbul tra Fenerbahce e Besiktas (Getty)

Diverse decine di persone fra calciatori e dirigenti (compreso il presidente del Fenerbahce campione, Aziz Yldirim) sono finite in manette accusate di avere truccato i risultati di alcune partite. Perquisizioni anche presso il Besiktas e il Trabzonspor

Dopo Italia e Grecia, lo scandalo del calcioscommesse esplode anche in Turchia, dove è salito da 40 a 46 il numero delle persone - tra cui il presidente del Fenerbahce Aziz Yildirim - che sono finite in manette e poste sotto custodia cautelare per corruzione. Yildirim - come gli altri - è accusato di aver truccato i risultati di alcune gare. Le forze dell'ordine hanno perquisito anche le sedi di altri due club molto famosi in Turchia: il Besiktas e il Trabzonspor. Lo riferisce con evidenza tutta la stampa (cartacea ed online) turca precisando che gli arresti di calciatori e amministratori sono stati effettuati ieri in simultanea in ben 15 province del Paese in club di prima divisione.

Immediata la reazione di diversi leader politici i quali hanno espresso preoccupazione per l'accaduto. "Se solo il 5% delle accuse dovesse rivelarsi veritiero, sarebbe un fatto molto grave per lo sport turco", ha affermato Huseyin Celik, vice presidente del Partito di radici islamiche Giustizia e Sviluppo (Akp) al potere. La notizia degli arresti ha avuto un impatto negativo sulle azioni dei club sportivi che questa mattina hanno perso valore alla Borsa valori di Istanbul. Solo le azioni del Fenerbahce hanno perduto il 10%.

Calcio malato anche in Turchia. Discutine nei nostri forum

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky