Caricamento in corso...
11 luglio 2011

A Savona gli allenatori italiani vanno a... scuola di Barça

print-icon
scu

Fran e Victor Sanchez, gli allenatori delle giovanili del barça che hanno... insegnato calcio a Cairo Montenotte

Fran e Victor Sanchez, due giovani tecnici della Cantera del Barcellona, per tre giorni hanno insegnato calcio in uno stage dedicato agli allenatori nostrani. Rilanciando la sfida: "Nelle giovanili abbiamo ancora tanti talenti". GUARDA LE FOTO

FOTO: Gerard Piquè nella nuova campagna di Sky

di Diego Ponzè

Il merito dei tanti successi del Barcellona non è ovviamente solo di Pep Guardiola, e nemmeno soltanto dei suoi campioni: perché, se in questi anni i catalani hanno vinto così tanto - in Spagna, in Europa e nel mondo - è anche grazie, e forse soprattutto,  a gente come loro: si chiamano Fran e Victor Sanchez, e sono due giovani allenatori che da anni lavorano nella miracolosa Cantera del Barcellona.  Sarà il fascino dello stemma blaugrana che esibiscono con orgoglio sulle divise da gioco, quando arrivano al campo di Cairo Montenotte – provincia di Savona – dove per tre giorni hanno insegnato calcio in uno stage dedicato agli allenatori italiani. Sarà che tra i tanti ragazzi del vivaio che possono vantarsi di aver allenato e cresciuto, ci sono stati talenti poi diventati veri e propri campioni: Fabregas, Piquè, Thiago Alcantara e l'ormai prossimo romanista Bojan. Sarà soprattutto che non capita spesso, di vedere il Barcellona al lavoro in Italia. Per di più, a svelare un po’ di quei segreti che l’anno reso così vincente e invidiato nel mondo. Sarà probabilmente tutto questo, ma il risultato finale è andato al di là delle aspettative: lo stage – tre giorni di lezioni teoriche ed esercitazioni pratiche, al costo d’iscrizione di 200 euro - è stato un successo. "Addirittura meglio di un anno fa, quando è nata questa esperienza" ci tiene a sottolineare Sergio Soldano, responsabile del settore giovanile della U.S. Cairese, argentino, un passato da calciatore professionista nel suo paese, e l’orgoglio di aver giocato nelle nazionali giovanili insieme al grande Diego.

Di allenatori dilettanti, professionisti o di semplici appassionati di calcio, ne sono arrivati un po' da tutte le regioni d'Italia, ma anche dal Belgio e dall’Austria. Tutti lì, per scoprire quali sono i metodi di allenamento che hanno reso grandi Messi, Iniesta o Xavi, o per imparare gli schemi del gioco di Guardiola, che per il Barcellona è quasi un marchio di fabbrica. Una filosofia applicata dalla prima squadra fino agli "Esordienti". Proprio la categoria che allena Fran Sanchez, che non ha ancora 40 anni, ma è l’allenatore che da più tempo lavora nella Cantera. E che nell’estate del 2006, ha allenato per qualche settimana anche un giovane ragazzo italiano, all’epoca non ancora molto famoso: “Abbiamo avuto con noi Mario Balotelli per qualche settimana – ricorda Sanchez – giocò tre partite e segnò 8 gol. Il suo talento ci aveva impressionato, volevamo tesserarlo, ma le richieste del suo agente erano sproporzionate. Il Barcellona decise di non investire così tanto su un ragazzo di soli 15 anni, e così finì all’Inter. Ci spiace che Balotelli non sia diventato uno dei nostri, ma alla fine siamo comunque felici che sia arrivato al calcio professionistico”.

"Nelle nostre giovanili ci sono ancora tanti ragazzi di grande talento – spiega Victor Sanchez, allenatore degli “Allievi”– Se in futuro continueremo ad avere in prima squadra un allenatore come Guardiola, che punta così tanto sul settore giovanile, siamo fiduciosi di poter aiutare ad affermarsi e a diventare campioni tanti altri ragazzi".
Dopo aver portato un po’ di Barcellona in Italia, l’obiettivo per l’anno prossimo è fare lo stesso con il Manchester United. Sarebbe un altro gran colpo. Il terzo, perché un anno fa, sempre a Cairo Montenotte, era arrivato l'ex centrocampista olandese di Padova e Perugia Michel Kreek, che aveva insegnato quali sono i metodi di lavoro dell'Ajax, altra società che vanta un grande vivaio, a una settantina di allenatori. Quest'anno, gli iscritti sono stati più di cento: tutto esaurito, per il Barcellona. Quando gioca e porta in giro i suoi campioni. Che non sono, solo quelli che manda in campo Guardiola.

Pensi che il Barcellona sia la miglior squadra di sempre? Discutine nel forum

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky