Caricamento in corso...
23 luglio 2011

Quanta paura per Zico, ricoverato a Rio: non è meningite

print-icon
zic

Tanta paura per Zico, è in ospedale ma è scongiurata l'ipotesi meningite (Getty)

L'ex fuoriclasse di Flamengo e Udinese si era sentito male accusando forti emicranie e nausea. Per questo motivo si era pensato a una meningite dato che un nipotino dell'ex campione è affetto da questa malattia: ipotesi scongiurata dagli esami

Copa America 2011 - lo Speciale - il Calendario

Momenti di paura a Rio de Janeiro per Zico, costretto a ricoverarsi in un ospedale della metropoli carioca dopo che, fin dalla notte precedente, aveva accusato forti emicranie ed un perenne senso di nausea. Dopo essersi sentito male, al punto quasi da perdere i sensi, l'ex fuoriclasse di Flamengo ed Udinese è stato accompagnato in ospedale, dove è stato sottoposto ad una serie di accertamenti perché c'era il timore che potesse trattarsi di meningite. Zico, che è tuttora ricoverato, ha infatti un nipotino, Antonio di dieci mesi, che ha avuto questo problema e che è a sua volta ricoverato (lo sarà ancora per una ventina di giorni) in un'unità pediatrica.

L'ex numero 10 della Selecao ed ex ct del Giappone è stato sottoposto anche ad esami per scongiurare che potesse aver contratto la malaria o la 'dengue', visto che c'erano dei sintomi ritenuti sospetti, e per il fatto che di recente era stato a Cuiabà, zona in cui ci sono stati molti casi proprio di malaria.

Ma, secondo quanto ha detto il suo medico (ed amico) personale Pedro Cirillo, gli esami hanno scongiurato anche questo rischio. "Si sta già riprendendo, ha anche mangiato riso e legumi - ha detto Cirillo -. Deve trattarsi solo di un'infezione virale, e gli esami hanno evidenziato che non si tratta di meningite o 'dengue'. Adesso farà di nuovo tutti i controlli del caso e poi potrebbe essere dimesso".

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky