Caricamento in corso...
11 agosto 2011

Javi Poves, clamoroso ritiro a 24 anni: "Il calcio è marcio"

print-icon
jav

L'articolo di Abc in cui si parla del ritiro di Javi Poves

Il giocatore dello Sporting Gijon, che solo lo scorso anno debuttava nella Liga, ha deciso di chiudere la sua carriera: "Più conosci il calcio, più ti rendi conto che è tutta una questione di soldi, che è marcio, e questo ti toglie l'entusiasmo"

FOTO - Calcio e violenza, l'Album

Rivivi il trionfo dell'Uruguay con lo Speciale Copa America

VAI ALLO SPECIALE CALCIOMERCATO - IL TABELLONE

Javi Poves, difensore dello Sporting Gijon, club spagnolo di Primera Liga, ha lasciato il calcio a soli 24 anni perché disgustato da un ambiente che ha definito "marcio" e rovinato dal denaro e della corruzione. "Piu' conosci il calcio, più ti rendi conto che è tutta una questione di soldi, che è marcio, e questo ti toglie l'entusiasmo", ha detto Poves al sito Internet del quotidiano Abc. "Che cosa conta guadagnare 800 o 1.000 euro se sai che li stai ottenendo grazie alle sofferenze di molte persone?", si è chiesto.

Secondo El Pais, il giocatore non ha consentito allo Sporting Gijon di pagarlo tramite bonifici, sostenendo di voler evitare speculazioni delle banche con i suoi soldi; ed ha restituito le chiavi di un'auto che gli veniva offerta dagli sponsor. Il gesto di ribellione di Poves contro uno sport che giudica marcio ha fatto scalpore in un Paese dove molte persone, soprattutto giovani, i cosiddetti 'indignados', ai quali il giocatore si sente vicino, protestano contro la politiche finanziare, sociali e occupazionali del governo.

"Non voglio che Javi Poves diventi un'icona, sono solo uno di loro a lotto contro la disuguaglianza. Voglio che tutti siano uguali e che tutti noi ci uniamo e cessiamo di discutere di cose irrilevanti e cerchiamo di andare avanti", ha detto ancora il difensore. "Così com'è, il mondo si appresta a distruggersi", ha aggiunto. Poves, che ha annunciato di voler studiare e offrire il suo aiuto sul piano sociale, ha chiesto altresì che i 'big' del calcio facciano di più per aiutare il prossimo. "Ci sono alcune personalità a livello mondiale - Pelè, Ronaldinho, Messi - che sono ambasciatori dell'Unicef e a questo titolo sono ottimi, ma potrebbero fare molto di più", ha sostenuto. "Queste persone hanno un'influenza tale che dovrebbero impegnarsi in modo molto più diretto", ha aggiunto.

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky