Caricamento in corso...
17 agosto 2011

Liga, partenza a rischio. I giocatori confermano lo sciopero

print-icon
ike

Iker Casillas, il portiere del Real Madrid, è il vice presidente del sindacato dei calciatori spagnoli (foto Getty)

In Spagna è trattativa a oltranza fra calciatori e Lega Calcio per cercare di evitare il rinvio del campionato. I calciatori esigono una garanzia di pagamento per gli stipendi arretrati non percepiti in diversi club. Venerdì un nuovo incontro. IL VIDEO

Guarda anche:
Contratto collettivo: la situazione in Italia - Barca-Real: la sfida continua, con il ritorno di Supercoppa

E' trattativa a oltranza fra calciatori e Lega calcio in Spagna per cercare di evitare lo sciopero di due giornate proclamato dal sindacato dei calciatori, che esigono dai club, pesantemente indebitati, il pagamento degli arretrati. "Ci rivedremo venerdì per cercare di fare progressi, anche se le posizioni restano lontane", ha detto il presidente della Lega dei club (Lfp) Josè Luis Astiazaran, dopo un incontro con una delegazione della Associazione dei calciatori spagnoli (Afe), che hanno ribadito le loro richieste.

Per ora, ha precisato Astiazaran, lo sciopero rimane programmato dalla Afe per le prime due giornate di Liga di prima e seconda divisione. Il campionato dovrebbe riprendere venerdì e sabato nelle due maggiori categorie, ma a questo punto, anche se si chiudesse dopodomani, non ci sarebbero i tempi tecnici per poter essere pronti al fischio d'inizio. I giocatori esigono una garanzia di pagamento per gli stipendi arretrati non percepiti in diversi club e chiedono che in caso di non pagamento per tre mesi del salario un calciatore possa rompere unilateralmente il contratto. 

I calciatori scioperano e la Liga potrebbe ritardare la partenza. Cosa ne pensi? Discutine nel Forum

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky