Caricamento in corso...
28 agosto 2011

Premier, Manchester affonda Londra: Spurs e Gunners umiliati

print-icon
man

Il Manchester United tramortisce l'Arsenal con un sonoro 8-2: una batosta storica

I Citizens di Mancini servono un 5-1 al Tottenham nella trasferta di Londra: poker di Dzeko e gol del Kun Aguero. Nella gara tra Red Devils e Arsenal, invece, lo United esagera: all'Old Trafford finisce 8-2, Wayne Rooney ne fa tre

I risultati, il calendario e la classifica della Premier League

Domenica da dimenticare per Tottenham e Arsenal. Gli Spurs ricevono una vera e propria batosta a domicilio dal Manchester City di Roberto Mancini, che si gode il suo squadrone e gli acquisti dell'estate: Sergio Aguero e Samir Nasri si sono inseriti alla perfezione in un gruppo che ha trovato in Edin Dzeko il punto di riferimento offensivo. Il bosniaco trae giovamento dalle giocate dei compagni e si porta a casa il pallone superando i requisiti per meritarselo: perché se in Premier League "basta" un hat-trick, vale a dire una tripletta, per ricevere la sfera dall'arbitro a fine partita, Dzeko avrebbe diritto anche al fischietto del direttore di gara. Poker di gol per lui, nella sfida di White Hart Lane.

Il successo travolgente dei Citizens impressiona anche gli addetti ai lavori: Cesc Fabregas, che ha trascorso parecchi anni nel campionato inglese prima di tornare nel suo Barcellona, si è espresso su twitter sbilanciandosi su quello che sarà l'esito della stagione del City. "Nasri, Silva e Aguero sono lanciatissimi... faranno parlare di sé sia in Champions che in Premier".
L'argentino acquistato dall'Atletico Madrid, protagonista già all'esordio con una doppietta e un assist, ha reso rotondo il risultato facendo compagnia al nome di Dzeko ripetuto quattro volte nel tabellino. Di Kaboul, per quel che riguarda il Tottenham, il gol della bandiera nel 5-1 finale.

Non va meglio all'Arsenal, l'altra londinese impegnata in questa ultima domenica di agosto: i Gunners vengono schiaffeggiati dal Manchester United, che passa in vantaggio al 22' con Wellbeck (ottimo avvio di stagione per lui). Passano cinque minuti e De Gea para un rigore a Van Persie. Nemmeno il tempo di disperarsi e Young trova il gol della vita, un destro da fuori area che si insacca all'incrocio dei pali. Il primo tempo termina 3-1 dopo che Rooney battezza l'altro incrocio su calcio di punizione e Walcott accorcia nel recupero.
Ma è la ripresa che fa vedere i sorci verdi ai Gunners: è sempre Rooney che al 19' della ripresa firma il 4-1, mentre Nani fa il 5 con un delizioso pallonetto che corona un'azione corale dello United. Ferguson sostituisce il portoghese regalandogli la standing ovation dell'Old Trafford e al suo posto entrano Giggs e il coreano Park. Quest'ultimo non perde tempo ed entra nel tabellino dei marcatori. L'orgoglio dell'Arsenal viene timidamente fuori con una rete di Van Persie ma il risultato tennistico si concretizza con un rigore all'80' trasformato da Wayne Rooney, che fa tripletta e si aggiudica il pallone: 7-2. Ma i Red Devils non si fermano qui: al 90' arriva il secondo gol di Young per il definitivo 8-2.
Nelle altre due gare in programma, il Newcastle supera il Fulham 2-1 grazie ad una doppietta di Best e il West Bromwich perde in casa contro lo Stoke (0-1). 
[V.S.]

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky