Caricamento in corso...
08 ottobre 2011

Calcio e Rivoluzione: Libia qualificata alla Coppa d'Africa

print-icon
mar

Marcos Paquetá è l'allenatore della Libia: non percepisce lo stipendio da sei mesi (Getty)

Grazie allo 0-0 strappato in casa dello Zambia, la squadra allenata dal brasiliano Marcos Paquetá ha centrato il pass per l'edizione 2012. La dedica speciale del portiere Samir Aboud, l'eroe della partita: "A tutti i libici, alla nostra Rivoluzione"

Guerra in Libia: tutte le foto

La nuova Libia post-Gheddafi si riscatta anche sui campi di calcio. Grazie allo 0-0 strappato in casa dello Zambia, la squadra allenata dal brasiliano Marcos Paquetá (senza stipendio da sei mesi) si è guadagnata l'accesso alla Coppa d'Africa del 2012 come una delle due migliori seconde (con 12 punti), proprio alle spalle dello Zambia che ha vinto il gruppo C a quota 13.

Decisivo ai fini della qualificazione libica è stato anche il 2-2 tra Nigeria e Guinea Bissau che ha promosso la seconda (come vincitrice del gruppo B) e bocciato la Nigeria (arrivata a 11 punti), che quindi non parteciperà al torneo. Tra le altre Nazionali già qualificate Angola, Ghana, Mali, Tunisia, Zambia e Niger. Mentre non ce l'ha fatta il Sudafrica, che nel 2010 aveva ospitato il Mondiale.

Eroe della partita è stato il portiere della Libia, Samir Aboud, 39 anni, autore di due parate prodigiose nel primo tempo che hanno salvato il risultato (aiutato da due traverse colpite dagli avversari). La dedica di Aboud è andata "a tutti i libici, alla nostra Rivoluzione". Alla Nazionale libica sono arrivati anche i complimenti del ct dello Zambia, l'italiano Dario Bonetti: "Sono felice per loro, sono una squadra coraggiosa, per aver passato tutto quello che hanno passato con la guerra", ha detto l'ex difensore di Roma, Milan e Juventus.

Tutti i video sulla guerra in Libia

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky