25 ottobre 2011

E Balotelli diventa testimonial per l'uso sicuro dei petardi

print-icon
bal

"Mario Balotelli supporta la campagna per l'uso sicuro dei fuochi d'artificio": così si legge sul sito del City

Pochi giorni dopo l'incendio di una stanza di casa sua dovuto al lancio di alcuni fuochi d'artificio (ma il colpevole era stato un amico), l'attaccante del City è stato scelto per sensibilizzare i ragazzi britannici in vista della "Bonfire Night"

NEWS: Balotelli scherza col fuoco: casa in fiamme - ... e la stampa inglese lo ribattezza: "Uomo-missile"

FOTO: tutti i look di SuperMario - Bionde e maggiorate: al Balotelli d'Oltremanica piacciono così - Balotelli hi-tech, Ipad in panchina per SuperMario

Mario Balotelli diventa il testimonial di una campagna sulla sicurezza dei fuochi d'artificio. Supermario la settimana scorsa è finito di nuovo sulle pagine dei tabloid britannici a causa della ragazzata compiuta nella sua villa da un amico, che ha provocato un incendio accendendo un petardo nel bagno. Balotelli, al quale è stato subito attribuito l'episodio, ha  risposto alle critiche con una doppietta nel derby vinto dal Manchester City contro lo United per 6-1.

Dopo il primo gol, l'attaccante ha mostrato una maglia con su scritto: "Why always me?". Una volta chiarito di non essere stato lui il diretto responsabile dell'episodio, Balotelli ha anche accettato di mettere la faccia sulla nuova campagna regionale dal nome "Treacle", lanciata a Manchester e rivolta principalmente ai giovani, nel quale si informa sul corretto utilizzo dei fuochi d'artificio.

"I giornali hanno raccontato una storia sbagliata sul mio conto e sull'incendio nella mia abitazione. Non ho acceso nessun petardo, è stato un mio amico. Non sapevo nulla fino a quando non ho sentito le grida provenienti dal bagno", ha spiegato Balotelli. "Fortunatamente, nessuno è rimasto ferito e il mio amico si è scusato con me per i danni che ha provocato alla casa. E' stata una cosa davvero stupida, qualcuno avrebbe potuto farsi molto male ed ero molto arrabbiato con lui", ha sottolineato il giovane talento italiano. "Questo è un importante messaggio, i bambini non dovrebbero giocare con i fuochi d'artificio, possono essere molto pericolosi se non vengono usati in modo corretto", ha osservato.

La "Bonfire night" è una tradizionale notte di festa britannica: si celebra ogni 5 novembre e ricorda la sventata Congiura delle Polveri, quando un gruppo di cattolici guidati da Robert Catesby progettò di far saltare il Palazzo di Westminster nel pomeriggio del 5 novembre 1605 per protestare contro il re Giacomo I d'Inghilterra, repressore dei cittadini di religione cattolica. Nel Regno Unito e nelle sue colonie, perciò, il 5 novembre si usa sparare fuochi artificiali.

SuperMario, genio e sregolatezza. Discutine sui nostri forum

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky