Caricamento in corso...
12 novembre 2011

Poco spettacolo a Wembley. L'Inghilterra batte la Spagna 1-0

print-icon
ing

L'inghilterra ha vinto 1 a 0 contro la Spagna, nell'amichevole di Wembley

Il gol di Frank Lampard porta in vantaggio la squadra di Fabio Capello, nell'amichevole che si è giocata a Londra. Primo tempo monotono e senza ritmo, decisamente più animata la ripresa. Domina l'undici di Vicente Del Bosque, ma esce sconfitto

"Noi speak english": Mancini, Capello e Trap ai voti

La Spagna domina ma è l'Inghilterra a vincere: a Wembley, la Roja primeggia per possesso palla e occasioni da rete, ma i Tre Leoni si aggrappano al gol di Frank Lampard per incamerare una vittoria di prestigio. Un successo di sacrificio e abnegazione, umiltà e pazienza, quello della nazionale di Fabio Capello. La colpa della Spagna è di gigioneggiare per un tempo e svegliarsi solo dopo lo svantaggio. Ha comunque avuto le sue occasioni, sprecandole. Poco male perchè quella di Londra era solo un'amichevole, ancorchè di lusso. A Euro 2012 mancano ancora otto mesi, c'è tutto il tempo per redimere quegli accenni di sufficienza mostrati a tratti contro gli inglesi. Il primo tempo di Londra è un traccheggio di inesauribile monotonia. Ritmi bassi, zero accelerazioni. Sfinente tiki-taka spagnolo, capillare non meno che improduttivo. Le due squadre finiscono per annullarsi, coi portieri spettatori non paganti. Per registrare la prima conclusione bisogna attendere oltre la mezz'ora: il destro di Lampard è debole, Iker Casillas - che eguaglia il record di Andoni Zubizarreta con 126 presenze in nazionale - blocca senza affanni. L'unico sussulto degli iberici arriva per vie centrali: Xabier Alonso per Sergio Busquet: alto sulla traversa.

Decisamente più animata la ripresa. Tutto merito dell'improvviso (e inatteso) vantaggio dei Tre Leoni. Nato - non a caso - sugli sviluppi di un calcio da fermo. Darren Bent salta più in alto di tutti sulla punizione di James Milner, ma il suo colpo di testa viene respinto dal palo: sulla ribattuta c'è però Lampard. La Spagna sveltisce la circolazione di palla: meno ghirigori più concretezza. E per due volte David Villa è pericoloso. Negli ultimi minuti tocca a Cesc Fabregas per due volte sfiorare il pareggio ma senza fortuna nè precisione. E' la resa. Nonostante la schiacciante maggioranza nel possesso palla (70%) e nelle conclusioni (21 a 3), perde la Spagna, vince l'Inghilterra: l'illogica logicità del calcio.

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky