12 novembre 2011

"Noi speak english": Mancini, Capello e Trap ai voti

print-icon

John Peter Sloan a Sky Sport 24 analizza l'inglese dei tecnici di Manchester City, Inghilterra e Irlanda. Tra conferenze stampe e interviste, la travolgente ironia dell'ex allenatore di Inter e Juventus trionfa su tutto. GUARDA IL VIDEO

Non solo Trap: quando il calcio è scaramantico

L'English del Trap: I'm very amareggiato...

La vecchia fattoria dei bambini inglesi non è di Zio Tobia ma di un anziano signore chiamato, appunto, Old Mc Donald. Sarà per questo che alla fine si genera una gran confusione tra animali italici e britannici Ecco, appunto. Prandelli ci scherza su, ma black horse, che si traduce letteralmente cavallo nero, significa "sorpresa". Un espressione infida mica solo per noi, visto che il Ct polacco Zmuda, volendola applicare a Balotelli, non ha sbagliato colore, ma – ahi lui - animale. E così Supermario è diventato la pecora nera, che in italiano non suona mica come un complimento. Roba su cui sorridere senza commentare, vero Mario?

E allora l'unica soluzione è ribaltare tutto. Perchè affidarsi ai modi di dire inglesi quando in Italia abbiamo proverbi efficaci? La pensa così Giovanni Trapattoni, allenatore pluridecorato e showman mancato: doveva parlare di Estonia e invece…
Spettacolare Trap! Non sarà un purista della lingua inglese, ma come si fa a non amarlo? Ecco, ora siano gli irlandesi a beccarsi il gatto italico. Lo amano anche loro dopo il trionfale 4-0 all’Estonia. E chi lo sa dov'è finito il gatto? Quel che è certo è che nella fattoria degli animali globale, gli italiani fanno sorridere e possono sorridere. Tanto più che ormai non solo fanno godere i tifosi inglesi, ma sanno parlare anche la loro lingua. Very good, Mario. Ma non temete. Se non avete la stessa padronanza della lingua non resta che affidarsi la metodo benigni: taccuino, declinazioni e ironia.

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky