Caricamento in corso...
14 novembre 2011

Verso Italia-Uruguay, Cavani: "Pirlo fa la differenza"

print-icon
edi

Edison Cavani, con la maglia dell'Uruguay nella partita contro il Cile (Foto Getty)

Il bomber della nazionale di Tabarez, stella del Napoli, pensa alla sfida che di martedì sera contro gli azzurri: "Siamo due nazionali diverse, entrambe con grandi campioni". Su Balotelli: "Siamo molto simili, due attaccanti moderni"

FOTO - IL SONDAGGIO "BELLEZZE LATINE" - Il trionfo dell'Uruguay al Monumental - La Nazionale dell'era Prandelli - Sulle tracce di Prandelli: la fotostoria del ct azzurro - La prima volta non si scorda mai, Balotelli segna e bacia la maglia

Stella del Napoli e punto di riferimento dell'Uruguay. Per Edinson Cavani, l'amichevole in programma martedì sera allo stadio Olimpico di Roma contro l'Italia potrebbe essere l'ennesimo tassello da aggiungere a una carriere in costante ascesa. L'attaccante della 'Celeste', campione uscente della Coppa America e reduce dal poker rifilato al Cile, sarà il terminale offensivo della formazione del ct uruguaiano Oscar Washington Tabarez, tecnico che torna in Italia dopo le esperienze agrodolci vissute sulle panchine di Cagliari e Milan.Su

"Se siamo più forti dell'Italia? Siamo due nazionali diverse ma entrambe abbiamo giocatori molto importanti a livello mondiale - spiega 'El Matador' al termine dell'allenamento di rifinitura svolto allo stadio Flaminio -. Sarà una bella partita. Si vede il lavoro che stiamo facendo da un bel po' di tempo, ce la stiamo mettendo tutto e anche nel mondo si sta riconoscendo il valore dell'Uruguay". "E' una cosa che ci inorgoglisce e che dobbiamo a Tabarez - confessa poi Cavani -: da quando ha preso la Nazionale ha messo regole chiare da rispettare. Se siamo a questo punto, se la squadra va così bene, gran parte del merito è del mister".

Per continuare il trend positivo però, l'Uruguay dovrà adesso superare l'esame Italia. "Chi mi piace del gruppo di Prandelli? Ci sono giocatori forti, tanti campioni, però secondo me quello che fa la differenza è Pirlo - ammette l'attaccante del Napoli -. Balotelli? Credo siamo simili, siamo due attaccanti moderni, e poi il calcio italiano è simile a quello inglese quindi credo che Mancini chieda a Mario lo stesso lavoro che si chiede a me nel Napoli". Nella gara contro gli azzurri, però, Cavani si trioverà a dover fare i conti anche col compagno di squadra, Maggio: "Per me è un gradissimo terzino, ha fatto ottime stagioni in Italia e merita la maglia azzurra. So bene che sara' difficile passare sulla sua fascia".

E anche Tabarez sa bene che non sarà facile affrontare l'Italia, nonostante la Coppa America vinta in Argentina dopo aver battuto anche i padroni di casa. "Torno da vincente? Si, è vero" si lascia scappare il ct prima di lasciare il campo del Flaminio. Le fallimentari esperienze alla guida di Cagliari e Milan, quest'ultima caratterizzata anche dal difficile rapporto con Berlusconi, sono ormai un ricordo sbiadito. "Ma la vita è così, è fatta di sali e scendi, non è lineare - spiega prima di salire sul bus con la squadra per far rientro in hotel -. Berlusconi si è dimesso? Arrivederci".

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky