Caricamento in corso...
20 gennaio 2012

Paraguay, Cabanas torna a giocare con un proiettile in testa

print-icon
cab

Cabanas tornerà a giocare a calcio con la maglia del club 12 de Octubre

L'attaccante classe '80, che venne gravemente ferito nel gennaio 2010 con un colpo di pistola alla testa in un bar di Città del Messico, tornerà in campo con la maglia del club 12 de Octubre. Prima dell'attentato giocava in Messico, nell'America

FOTO: Calcio e mafie, le relazioni pericolose - L'Album del tifo violento nel mondo

L'attaccante paraguaiano Salvador Cabanas, gravemente ferito nel gennaio 2010 con un colpo di pistola alla testa in un bar di Città del Messico, tornerà a giocare a calcio con la maglia del club 12 de Octubre, che attualmente milita nella seconda categoria del campionato paraguaiano. La notizia è stata diffusa dal padre del giocatore, che ha confessato di essere rimasto sorpreso a sua volta.

Prima di subire l'attentato - Cabanas ha un proiettile in testa che non può essere estratto - il centrocampista giocava in Messico, nella squadra dell'America. Secondo quanto dichiarato da Luis Salinas, presidente del club 12 de Octubre, "Cabanas ha ricevuto il permesso dai medici e si presenterà venerdì per iniziare gli allenamenti con la squadra". Nell'agosto scorso Chava (come veniva chiamato in Messico) aveva partecipato ad un'amichevole in suo onore tra la nazionale del Paraguay e l'America, allo stadio Azteca riscuotendo gli applausi affettuosi del pubblico.

"Siamo tutti molto emozionati e Salvador è conscio che è come se dovesse riprendere a giocare facendo i primi passi da professionista", ha sottolineato la moglie Maria Alonso che, dal drammatico episodio di due anni fa, gli è sempre stata accanto. "L'autorizzazione perché possa tornare in campo gli è stata data definitivamente lunedì scorso nella clinica specializzata Fleni di Buenos Aires, dove ha svolto tutta la terapia di recupero", ha precisato. Per poi ammettere: "Non nascondo che ho un po' di timori per quando colpirà il pallone di testa o se prenderà qualche colpo". "I medici comunque lo seguiranno costantemente", ha concluso Maria Alonso evidenziando: "Non so se è già una vittoria. Ma certamente è il risultato di tutta la nostra lotta comune perché Salvador potesse tornare quello che era prima".

Follia sudamericana. Parlane nei nostri forum

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky