Caricamento in corso...
20 febbraio 2012

Mondiali calcio 2010: Sky vince l’arbitrato internazionale

print-icon
spo

Respinte le domande proposte da RTI (Gruppo Mediaset). Secondo RTI, Sky aveva acquistato i diritti di trasmettere gli eventi dei Mondiali 2010 in violazione del divieto imposto dalla Commissione Europea. "Piena legittimità del comportamento di Sky"

Con lodo comunicato oggi, un Tribunale arbitrale ICC (composto da Y. Derains, S. Carbone e J. Lew QC) ha respinto le domande proposte da RTI (Gruppo Mediaset) contro Sky Italia nella controversia insorta relativamente ai Mondiali di calcio 2010. Secondo RTI, Sky aveva acquistato i diritti di trasmettere gli eventi dei Mondiali di Calcio 2010 in violazione del divieto imposto dagli “Impegni” che la pay tv aveva contratto con la Commissione Europea in occasione della sua nascita nel 2003.

In un primo momento, RTI aveva anche chiesto al Tribunale arbitrale, in via d’urgenza, di rendere tali diritti disponibili ad altri operatori televisivi prima dell’inizio dei Mondiali. Dopo aver rinunciato alla misura d’urgenza, RTI aveva chiesto il risarcimento dei danni derivanti dalla mancata trasmissione dei Mondiali nell’ambito della propria offerta a pagamento Mediaset Premium.

Il Tribunale arbitrale ha negato che i diritti di trasmettere i Mondiali ricadono nell’ambito applicativo degli Impegni perché – come precisato dalla predetta decisione comunitaria – riguardano un evento non essenziale per la competitività di un operatore televisivo concorrente. Il Tribunale ha dunque confermato la piena legittimità del comportamento di Sky rigettando in toto le richieste di RTI.

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky