Caricamento in corso...
23 aprile 2012

Dal Giappone all'Alaska: ritrovato quel pallone perduto

print-icon
tsu

David e Yumi Baxter, che hanno ritrovato il pallone dello tsunami

Incredibile ma vero. Un pallone da calcio, trascinato in mare dallo tsunami in Giappone del 2011 , è arrivato sulle spiagge dell'Alaska e verrà ora restituito al suo legittimo proprietario. Misaki Murakami, un sedicenne della cittadina di Rikuzen-takata...

Un pallone da calcio, trascinato in mare dallo tsunami in Giappone del 2011, è arrivato sulle spiagge dell'Alaska e verrà ora restituito al suo legittimo proprietario. Il lieto fine della storia, riferisce la Bbc, è stato reso possibile dal fatto che sul pallone vi era il nome del proprietario, con un messaggio di auguri dell'amico che glielo aveva regalato.

La palla appartiene a Misaki Murakami, un sedicenne della cittadina di Rikuzen-takata, che l'aveva ricevuta dai vecchi amici quando aveva cambiato scuola nel 2005. Il giorno dello tsunami, il ragazzo era a casa malato, ma riuscì a mettersi in salvo. La sua abitazione, come gran parte della città furono distrutte. "Sono così felice, non avevo ritrovato nulla di quanto mi era appartenuto", ha detto all'emittente Tbs.

Il pallone è stato recentemente ritrovato su una spiaggia dell'isola di Middleton, a largo dell'Alaska, da un uomo di nome David Baxter. Grazie a sua moglie, che è giapponese, Baxter ha potuto decifrare il nome del ragazzo. Secondo la US National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA), si tratta probabilmente del primo  oggetto perduto nello tsunami giapponese di cui sia stato possibile  rintracciare il proprietario.

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky