Caricamento in corso...
30 aprile 2012

La Germania boicotta Euro 2012? Tutti i precedenti clamorosi

print-icon
spo

La polizia presidia lo stadio Olimpico di Kiev (Foto Getty)

Angela Merkel potrebbe ostacolare lo svolgimento delle partite in Ucraina se l'ex primo ministro Timoshenko non verrà liberata. Kiev: "Metodi da Guerra Fredda". La Uefa: "Nessuno slittamento del torneo"

"Quando vengono violati i diritti soggettivi e i principi democratici lo sport non può voltarsi dall'altra parte", così il ministro dello sport italiano, Piero Gnudi, sull'ipotesi di boicottare l' Europeo di calcio 2012 in Ucraina in seguito all'aggressione dell'ex primo ministro Iulia Timoshenko , in carcere con una condanna a sette anni. E la Germania, intanto, ci sta pensando sul serio. E' proprio la rivista tedesca Der Spiegel ad aver pubblicato la notizia che la cancelliera federale, Angela Merkel, starebbe valutando di invitare i suoi ministri a ostacolare le partite che si disputano in Ucraina, se la Timoshenko non sarà liberata per ricevere i necessari trattamenti medici. "L'Europeo 2012 si giocherà alle date previste in Ucraina. Non è contemplato alcuno slittamento del torneo". Questo invece è quanto dichiarato dalla Uefa dal responsabile in Ucraina Martin Kallen.

Ma l'elenco dei casi di boicottaggio nello sport è lungo. Ecco allora alcuni dei casi più clamorosi di "impatto" delle crisi politiche sui principali avvenimenti sportivi del dopoguerra.

NEL CALCIO


Europei 1960 - La nazionale della Spagna franchista, nei quarti di finale, si rifiutò di giocare in Unione Sovietica.

Dopo il 1974...
- Le nazionali dei Paesi arabi aderenti alla Afc (la Federcalcio asiatica) si rifiutarono di giocare contro la selezione israeliana.

Johan Cruijff
- Nel 1978 si rifiutò di giocare il Mondiale di calcio nell'Argentina sottoposta alla dittatura militare dei generali.

Europei 1992 - Non un vero boicottaggio, ma non si può dimenticare l'esclusione della Jugoslavia in seguito agli sviluppi della guerra nei Balcani . Al suo posto fu ammessa la Danimarca, che poi vinse il torneo in Svezia. Fatto reso ancor più incredibile che i giocatori convocati erano già in vacanza.

AI GIOCHI OLIMPICI


Melbourne 1956
- Olanda, Spagna e Svizzera non parteciparono ai Giochi per protesta contro l'invasione dell'Ungheria da parte dell'Armata Rossa sovietica. L'Egitto, l'Iraq e il Libano non presentarono i loro atleti per protesta contro l'atteggiamento israeliano sulla "Crisi di Suez".

Montreal 1976 -
28 nazioni (tra cui Algeria, Libia e Tunisia) non si presentano in Canada per protesta contro il Cio, che rifiuta di escludere la Nuova Zelanda dopo che gli All Blacks hanno partecipato ad un tour di rugby in Sud Africa. Sia la Cina che Taiwan non gareggiano: nessuno dei due Paesi riconosce la legittimità dell’altro.

Mosca 1980 - 65 nazioni del "blocco occidentale" (come il Canada, la Norvegia e gli Usa) non partecipano in risposta all’invasione dell’Afghanistan da parte dell’Unione Sovietica. Altri Stati protestano in maniera più "soft": ad esempio l'Italia rinuncia ad inviare atleti appartenenti a gruppi militari e sfila con la bandiera del Comitato Olimpico.

Los Angeles 1984
- L'Unione Sovietica, scottata dall'atteggiamento dei boicottatori delle olimpiadi moscovite, decise di fare altrettanto, decretando la non iscrizione dei paesi aderenti al blocco sovietico alle Olimpiadi californiane. La scelta fu motivata da presunte carenze di garanzia d'incolumità per gli atleti e dirigenti sovietici. Le uniche voci fuori dal coro furono allora quelle della Jugoslavia, della Romania e della Cina.

Seul 1988 - La Corea del Nord (supportata da Cuba, Etiopia e Nicaragua) rinuncia ai Giochi dopo che il Cio non accoglie la richiesta del Paese di ospitare la metà degli eventi.

Atene 2004 - Il judoka iraniano Arash Miresmaeili si fece trovare sovrappeso per la categoria onde evitare di incontrare, nel primo turno del suo torneo, l’israeliano Ehud Vaks.

DAL CRICKET AL RUGBY


Cricket 1970 - Il tour inglese della nazionale sudafricana venne cancellato per le proteste contro l'apartheid.

Rugby 1986
- Il tour dei British & Irish Lions, rappresentativa che riunisce i migliori giocatori di Irlanda e Gran Bretagna, venne annullato. Al suo posto fu giocato a Cardiff un test-match.

Giochi del Commonwealth 1986
- Molte nazioni africane, asiatiche e dei caraibi non parteciparono per protesta contro la politica del primo ministro Margaret Thatcher nei confronti dei legami sportivi tra Gran Bretagna e Sud Africa. 

Cricket 2009 - Annullato il tour della nazionale inglese in Zimbabwe per opposizione al regime di Mugabe.

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky