Caricamento in corso...
13 giugno 2012

Italia-Croazia, rischio ultrà. Prandelli: ho un solo dubbio

print-icon

"Sto pensando di cambiare la formazione, vedremo", annuncia il ct prima del secondo match del girone C, ma le domande sono tutte su omosessualità e coming out . Pirlo: pensiamo al calcio. Allarme hooligans nazionalisti

Allarme hooligans per Italia-Croazia di giovedì. Dalla riunione Uefa con i responsabili delle polizie dei due Paesi emergono infatti profili di rischio legati ai tifosi croati. Dei 10.000 attesi, 200 sono ultrà ultranazionalisti dagli atteggiamenti "aggressivi". Mille i senza biglietto. Rafforzato quindi il dispositivo di sicurezza.

Prandelli e il caso Cassano - "Cassano? Quando ho saputo delle sue frasi sui gay, ho pensato 'non ci facciamo mancare nulla'....Meglio stemperare col sorriso e rispondere a domande inerenti la nostra partita". Balotelli? "Prossima domanda...". Così il ct azzurro Cesare Prandelli, alla vigilia di Croazia-Italia, sulle dichiarazioni di Antonio Cassano sulla questione degli omosessuali nel calcio e le successive polemiche. "Non voglio dare vantaggi a nessuno, ma sto pensando alla possibilità di cambiare la squadra. Ma il dubbio è uno solo..Dalla squadra sto trovando disponibilità, voglia e convinzione. Ma per decidere aspetto il clima giusto". Il toto-cambio è già partito: Di Natale per Balotelli o Nocerino per Thiago Motta?

Pirlo: pensiamo a giocare - Ma nella testa dei giornalisti in sala stampa l'attenzione è sempre sull'omosessualità nel mondo del pallone. "E' ora di fare coming out? No, oggi è ora di pensare al calcio". Così Andrea Pirlo, centrocampista della nazionale. "Non vogliamo sembrare scortesi - è intervenuto a quel punto Prandelli - Siamo sempre stati disponibili ad affrontare qualsiasi argomento. Torneremo a farlo quando siamo sereni: ma oggi abbiamo una partita fondamentale alle porte".

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky