Caricamento in corso...
22 giugno 2012

Diomede-Karagounis: "Grecia-Germania? Macché guerra, dai..."

print-icon
mer

La cancelliera Angela Merkel oggi, a Roma, per il vertice tra Francia, Germania, Spagna e Italia

L'INTERVISTA. Il capitano ellenico dovrà saltare il quarto di finale di EURO 2012 per squalifica, ma assicura che i compagni saranno all'altezza dei tedeschi: "Vogliamo regalare alla nostra gente una serata di festa, ne hanno un bisogno disperato"

di Alfredo Corallo

(Stra)parliamo sempre di Ulisse e ci dimentichiamo troppo spesso "dei Diomede". Semidei coraggiosi, leali, giusti, che non faranno impazzire le Calipso o Venere di turno (la solita vendicativa, lo stresserà in tutti i modi per mari e monti, parola di Omero) ma storicamente indispensabili. E questa Grecia potrà prescindere dal suo Diomede, Giorgios Karagounis? Che segna i gol mitologici dell'epopea ellenica, si sbatte (a 35 anni suonati), si fa ammonire, squalificare, sbaglia i rigori (vs Polonia), fa sognare una nazione intera (vedi rete alla Russia) e gioca a fare l'eroe, degno discendente del piè veloce Achille? Senza di lui a Danzica saranno guai (ma guai grossi).

Due gialli, con la Germania non ci sarà. E ora?
"Sono incazzato, posso dirlo? Abbiamo avuto tre arbitri su tre contro, non voglio fare il piangina (come dite voi a Milano, ndr), ma non stiamo troppo simpatici all'Uefa...".

Italo-lombardo perfetto, complimenti. Ma vogliono cacciarvi anche dall'Europeo?
"No, non penso questo, non buttiamola subito in politica... Chiedo solo un po' di rispetto e attenzione in più, già facciamo fatica ad arrivare in porta, se poi quelli buoni ce li annullano pure...".

La crisi, le nuove elezioni. Vuoi o no vi condizionerà...

"Cerchiamo di rimanere concentrati, nel possibile. Siamo coscienti di vivere un periodo complicato, ma vogliamo fare un altro bel regalo alla nostra gente".

Come nel 2004, in Portogallo.
"Se ci penso non dormo ancora, ero anche giovane! No, per me sarebbe la cornice perfetta, vorrei che tutti i ragazzi greci tornassero nelle piazze, per una sera, a fare festa".

Il modo migliore per rispondere alle "pretese" della Merkel.
"Veramente, non scherzo, con i tedeschi non abbiamo nulla. La stanno dipingendo come una guerra, ma non cediamo a queste facili provocazioni".

E la povera Italia in tutto ciò?
"E' la squadra più forte e Prandelli il migliore tecnico (dopo Fernando Santos, chiaro, e ride ndr). A proposito, la mia Inter? Quando torna Mou?".

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky