Caricamento in corso...
24 giugno 2012

Italia, tre ragioni per credere nella semifinale a Euro 2012

print-icon

Gli azzurri sono stati gli unici a far tremare i campioni in carica della Spagna. Balotelli ha motivazioni straordinarie e sulla panchina inglese c'è un imitatore del nostro gioco. Ecco perchè i ragazzi di Prandelli stasera a Kiev possono passare il turno

Tre ragioni per crederci, per tifare Italia con la fondata convinzione che la Nazionale questa sera potrà farcela a entrare tra le prime quattro squadre d'Europa. Partiamo dalla testa, dai campioni in carica: non c'è stato nessuno che abbia messo in difficoltà la Spagna più di quanto non sia riuscito agli azzurri. Di Natale ha segnato l'unico gol a Casillas e non fu impresa casuale contro il miglior portiere di questi campionati. Semmai lo fu di più l'azione che portò al pareggio.

Secondo punto: se le motivazioni contano qualcosa nello sport, Balotelli contro gli inglesi ne possiede alcune straordinarie. Deve dimostrare di essere un campione e non solo un cattivo ragazzo capace di numeri fantastici e di balotellate esecrabili. Il fatto che i suoi avversari di oggi lo conoscano benissimo può trasformarsi in un ulteriore vantaggio. Il problema - lo ha individuato subito - non è se esultare oppure no, ma è segnare prima, quanto prima possibile, perché servirebbe all'Italia per rimarcare la propria forza. Cassano, poi, deve legittimare l'investitura che Buffon ne ha fatto come fantaleader. E' il momento di assumersi le responsabilità da capo, di portare per mano una squadra che avrà pure in Pirlo l'ispiratore e nel suo capitano la voce del saggio, ma aspetta ancora di conoscere la propria guida in campo.

Terzo motivo: gli inglesi. Non fanno più paura come una volta, anche se il ritmo della premier è travolgente e il rischio di essere assediati è più che verosimile se non verranno spaventati subito. La squadra l'ha forgiata Capello, adesso la guida Hodgson, un altro che il calcio italiano lo conosce bene e non disdegna di imitarlo. Ma gli imitatori sono destinati a soccombere davanti all'originale. Basta crederci. Ed è questa la ragione più vera per puntare dritto alla sfida con la Germania. Incontrarla in semifinale ha sempre portato benissimo.  

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky