Caricamento in corso...
26 giugno 2012

Tre Pigs su 4 in semifinale, Italia-Germania che rivincita

print-icon
ita

"Stiamo arrivando" dice il bimbo italiano... E l'altro piange spaventato (foto da twitter)

Tocca mercoledì a Spagna-Portogallo, euro-economie poco virtuose, iniziare l'ultimo giro di giostra di Euro 2012 . Ma il 28, assieme al vertice di Bruxelles tra capi di Stato e di governo, il match contro i tedeschi assegna un ruolo speciale agli azzurri

di PAOLO PAGANI

Il 28 (e 29) giugno i capi di Stato e di governo di Eurolandia saranno chiamati, a Bruxelles, al vertice risolutivo. Ridurre dunque e finalmente le incertezze economiche? Orientare le aspettative? Il tempo delle decisioni rintocca implacabile. E fatto sta che proprio il 28, e ci avranno messo lo zampino gli dei dispettosi dell’Economia, l’Italia incontra la Germania nella madre di tutte le semifinali possibili. 

Con un retrogusto di rivincita, come no. Perché tra quattro semifinaliste dell'Europeo, tre squadre appartengono alla schiera reietta dei paesi Pigs, i "maiali" d'Europa nel gergo dei giornalisti economici. Spagna, Portogallo e, per l’appunto, Italia. Accomunati da congiunture finanziarie non virtuose e da conti pubblici precari, sono però le nazionali di calcio più forti. E almeno una di loro dovrà subito fare i conti con l'unica "intrusa", la Germania merkeliana il cui governo è visto come il fumo negli occhi dai tre mediterranei. Colpa della rigidità sulle misure volte a dare respiro alle economie deboli, ai “lazzaroni” in difficoltà. Mentre già domani, mercoledì 27, alla vigilia del summit più atteso, Spagna e Portogallo scelgono chi andrà avanti.

Se insomma le economie porcine stentano a decollare e le mani restano bucate, la fame di calcio e la qualità dei  piedi mediterranei non si possono mettere in discussione. Toccherà agli azzurri battere i tedeschi per dimostrare, ancora una volta, che almeno sul fronte sportivo, con le ragioni del cuore, grazie allo spirito di gruppo e alla fantasia,  noi terroni d'Europa siamo pur sempre modelli da seguire. E che il calcio, in fondo, è un gioco molto serio che mette in luce qualità diverse, non meno importanti, della capacità di gestire i conti economici.

Riuscirà l’Europa che, lungo i tornanti della interminabile crisi dell’euro si è ri-nazionalizzata nelle pulsioni mentali egoiste, a compiere il grande passo? A coniugare disciplina e solidarietà? Intanto, vediamo se Pirlo & company daranno lezione ai germani, di rigore o no che essa sia. Sapendo che, se non ce la fa, domenica 1° luglio in finale c’è comunque un altro grasso, felice, ambizioso Pig a provarci.

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky