Caricamento in corso...
01 luglio 2012

Italia-Spagna, ma i due Presidenti hanno già vinto l'Europeo

print-icon
mon

Napolitano e Monti, i due presidenti che stanno scommettendo sull'Italia

Napolitano che passa il testimone all'altro presidente, Monti, per rappresentare allo stadio di Kiev la passione italiana per la Nazionale. Perché le piazze d'Italia piene sono il messaggio che il paese indirizza ai governanti: vogliamo tornare a vivere

Cesare vorrei che tu Mario e io/Fossimo presi per incantamento/e messi in un vasel, ch'ad ogni vento/per mare andasse al voler vostro e mio. Occorrerebbe la voce ispirata di Benigni, ma l'idea - parafrasata dal sonetto più conosciuto di Dante (Cesare al posto di Guido Cavalcanti; Mario al posto di Lapo, ndr) - è quella: il presidente Giorgio che passa il testimone all'altro presidente, Mario, per rappresentare allo stadio di Kiev la passione italiana per la Nazionale di Cesare Prandelli. Più che una staffetta, un'investitura.



Non esistono solo i conti, le piazze d'Italia gioiosamente piene (come è accaduto nell'ultima settimana) sono il messaggio che il paese indirizza ai suoi governanti: vogliamo tornare a vivere. Se ne è accorto Napolitano che, comunque vada a finire, ha invitato tutti a Palazzo lunedì sera. Con Prandelli ha costruito un rapporto speciale, Buffon l'ha quasi adottato, degli altri - da Balotelli a Barzagli - ha detto che non farà mai graduatorie di merito e li farà tutti cavalieri. Lui che al calcio non ha mai guardato da tifoso, oggi guida gli italiani nella marcia virtuale verso l'Ucraina e ritorno - si spera - da vincitori.

In tribuna ha spedito Monti, l'uomo che il suo Europeo l'ha vinto a Bruxelles, convincendo più che battendo tutti. Ma anche colui che, da innamorato tradito, disse che il calcio andava chiuso per un paio d'anni. E Prandelli rispose piccato: se diamo fastidio, possiamo anche non andare a giocare. Un mese dopo, l'impressione è che tutti abbiano cambiato idea. E quest'Italia sia diventata un esempio positivo per tutti. Anche per i due Presidenti, tutti presi per incantamento…

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky