Caricamento in corso...
02 luglio 2012

Da SuperMario a Mario: evviva Balotelli, simbolo italiano

print-icon
bal

Le lacrime in mondovisione di Mario Balotelli dopo il ko con la Spagna

Ci ha fatto illudere di poter tornare lassù, dove stanno solo i grandi. Non è successo, pazienza. Chi è capace di mostrare le proprie emozioni così, davanti a mezzo mondo, è un uomo vero. In campo a lottare e fuori. E' lui l'icona del nostro Europeo

Se c'è un contrasto che fa male più di tutto è passare da questa immagine (Balotelli-Hulk) a quest'altra, le lacrime. Mario, è lui il simbolo di questo Europeo, e resterà l'eroe della notte magica contro la Germania che ci ha fatto illudere di poter tornare lassù, dove stanno solo i grandi. Ma questa è un'altra storia, e un finale lieto ce l'ha comunque. E' scritto negli occhi profondi di Balotelli e nel suo essere finalmente diventato Mario.

Le barricate non esistono più, chi è capace di mostrare le proprie emozioni così, davanti a mezzo mondo che gli tiene gli occhi fissi addosso, non può più rimangiarsele. Altro che fisico, altro che talento, stavolta c'è stato molto di più. C'è stata una cometa che vorremo veder passare più di una volta ogni 2 anni, quando non è l'azzurro della Nazionale ad esserci di mezzo.

La sua Nazionale. Non è questione di progetto, né di feeling con Prandelli - che comunque è evidente - ma di maglia. L'aveva promesso: niente sciocchezze. Ha fatto di più che tenere il freno a mano tirato. Si è lasciato partire. Proprio a partire da quel rigore contro l'Inghilterra, che ha riportato Mario tra di noi, ad esultare, con la rabbia e la felicità di un ragazzo, i muscoli e il sorriso di un uomo. E' quello che è diventato. In campo, a lottare. Con la testa. Fuori, a lasciarsi andare. Col cuore. Il "piccolo" Mario, tornato cucciolo solo per un momento. E in quell'abbraccio. Quello, se non vi dispiace, da Varsavia ce lo portiamo via. Eccola l'immagine simbolo del suo, del nostro Europeo: l'abbraccio che sublima una storia. Da corpo estraneo a italiano vero, una parabola azzurra che ha reso fiera una Nazione.

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky