Caricamento in corso...
09 agosto 2012

Europa League. Inter, che spavento: perde 2-0 ma passa

print-icon

Nel ritorno del terzo turno preliminare l'Hajduk Spalato mette paura alla squadra di Stramaccioni, che passa grazie al 3-0 dell'andata. Il tecnico: "Che rabbia non vincere davanti a tanti tifosi". Scontri tra ultrà, 33 croati in questura

INTER-HAJDUK SPALATO 0-2
23' Vukusic (r), 58' Vukovic

Un prato tutto nuovo, il famoso misto erba e sintetico. 44mila spettatori, come nelle occasioni importanti. E una sconfitta inaspettata, che ha fatto tremare tutta l'Inter. Inizia così la stagione casalinga dei nerazzurri, che accedono ai playoff di Europa League nonostante la sconfitta con l'Hajduk Spalato. Uno 0-2 inaspettato che ha costretto i tanti tifosi dell'Inter accorsi allo stadio ad accompagnare la fine della partita con qualche fischio.

Una rete per tempo: la prima di Vukusic su calcio di rigore, al 23', assegnato per un fallo di uno svagato Samuel, tra i peggiori in campo. La seconda nella ripresa, al 58', su un'invenzione di Vukovic. In mezzo tante occasioni per la squadra di Stramaccioni, che aveva iniziato la partita con il giovane M'baye titolare e la coppia Sneijder-Coutinho alle spalle di Milito.

Imprecisione sotto porta e una difesa da registrare. L'Inter ha provato, spesso trovandole, giocate raffinate in avanti, passate soprattutto per i piedi del sempre positivo Guarin. Nel finale l'ingresso del gioiellino Longo ha dato vivacità all'attacco, ma non precisione.

Stramaccioni: "Che rabbia non vincere davanti a questi tifosi". Tranquillo e consapevole di quanto è accaduto. Così si è presentato Andrea Stramaccioni ai microfoni di Sky nel post partita. Senza cercare scuse: "Una prestazione come questa ci sta, considerando che è il 9 agosto: anche il risultato dell'andata ha contribuito. Ma come non mi sono esaltato sette giorni fa, così non faccio drammi oggi: l'importante era passare il turno, ora dobbiamo lavorare". Ma all'Inter manca qualcosa: "Abbiamo le idee chiare, anche se è una sessione di mercato particolare: dobbiamo tenere un occhio al fair play finanziario. E in più per noi si tratta dell'anno zero. Ci manca qualcosa, lo sappiamo, ma è il 9 agosto ci sta: compreremo un centrocampista, è chiaro. Ci serve per completare il reparto". Anche perché la filosofia dell'Inter è tutta nuova: "Stiamo lavorando sul palleggio, sul fare la partita. E infatti le occasioni dell'Hajduk sono venute tutte da nostri errori di palleggio, da palle perse". Insomma, niente drammi, ma i lavori sono ancora in corso.

Tensione tra tifosi: croati in questura. Accompagnati in questura trentatre tifosi dell'Hajduk Spalato. Dopo l'arresto di oggi  pomeriggio di in tifoso croato per furto di generi alimentari al Billa di via Torino a Milano, la polizia di Stato ha accompagnato il gruppo di tifosi dell'Hajduk in questura. Poco prima dell'inizio della gara contro i nerazzurri, circa 150 tifosi croati hanno cercato di aggredire la tifoseria nerazzurra nei pressi del bar Sport. Fronteggiati e respinti dalla polizia, trentatre di loro sono stati accompagnati in questura in via Fatebenefratelli in attesa degli eventuali provvedimenti che verranno presi a loro carico.

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky