Caricamento in corso...
31 agosto 2012

Attento Chelsea, la Supercoppa non premia la più forte

print-icon
fer

Fernando Torres ritroverà la sua ex-squadra, l'Atletico Madrid, dopo aver trionfato in Champions con il Chelsea

Stasera i blues di Di Matteo si giocano la Supercoppa Europea con l'Atletico Madrid (diretta Sky Sport 1 HD alle 20.45): un trofeo che spesso vede capitolare i campioni della Champions. E' successo al Real Madrid, al Barça e persino all'Inter del triplete

di Vanni Spinella

Questione di motivazione? Forse. Fatto sta che la Supercoppa Europea è, tra tutte le competizioni continentali patrocinate dalla Uefa, quella dall’esito più incerto.
Sulla carta non c’è storia (i migliori d’Europa contro i campioni dell’Europa League, talvolta usciti proprio dagli “scarti” della fase a gironi della Champions); sul campo c’è, eccome, e lo dimostra un albo d’oro bizzarro che tende addirittura a premiare con più frequenza chi si presenta da sfavorito. O meglio: da vincitore dell'Europa League.

Esulti pure l’Atletico Madrid, dunque, che in qualità di regina d’Europa League se la vedrà stasera con la regina dell’Europa intera, il Chelsea di Di Matteo.
Motivazioni, si diceva. E non vediamo altra possibilità: troppo forte la tentazione di dimostrare che si può essere migliori dei migliori d’Europa, troppo ghiotta l’occasione della partita secca per non approfittarne.
Così, motivatissime, in passato sono scese in campo Zenit San Pietroburgo, Siviglia o Galatasaray, giusto per citare alcune delle squadre vincitrici della Supercoppa negli ultimi 15 anni: mai avvicinatesi neanche col pensiero all’idea di sollevare una Champions, ma capaci di far fuori Manchester United, Barcellona o Real Madrid che ne erano fresche trionfatrici.

Chelsea-Atletico Madrid assegnerà la Supercoppa con una gara unica per il 15° anno: nei 14 precedenti, il bilancio è di 8 a 6 per la squadra che si presentava da vincitrice dell’Europa League/Coppa Uefa (dal 2000: prima il diritto spettava a chi vinceva la Coppa della Coppe).
Con un parziale di 4-0 nelle prime 4 edizioni che inizialmente fece pensare a una maledizione o a qualcosa del genere, che colpiva i campioni della Champions. Chelsea, Lazio, Galatasaray e Liverpool le “piccole” che misero in ginocchio Real Madrid (due volte), Manchester Utd e Bayern Monaco.
Bisogna considerare anche le finali precedenti al 1998, quando si giocavano andata e ritorno, per riequilibrare l’albo d’oro, portando il conto sul 18 pari. E, in ogni caso, l’incertezza continua a regnare.

Tornando alle motivazioni, sia Chelsea che Atletico Madrid hanno le loro. I blues hanno la grande occasione di diventare la quarta squadra capace di vincere la Supercoppa in entrambe le vesti (nel 1998 si presentarono dopo aver sollevato la Coppa delle Coppe e sconfissero 1-0 il Barcellona), impresa finora riuscita solo a Liverpool, Juventus e Barcellona.
L’Atletico Madrid, dalla sua, tenta di mettere in bacheca la seconda Supercoppa in 3 anni, dopo quella sfilata sotto il naso all’Inter di Benitez nel 2010. Era l’Inter del triplete, ricordo che fa sembrare quasi facile la partita di stasera contro il Chelsea dell’ex-Fernando Torres.

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky