Caricamento in corso...
05 settembre 2012

Mourinho chiama Ronaldo: "Qui a Madrid sei importante"

print-icon
mou

Mourinho e Ronaldo, in una partita della scorsa Champions League

Dopo i malumori manifestati da CR7, l'allenatore del Real ha telefonato al connazionale per chiarire la sua posizione all'interno del club: "Non devi avere dubbi". Sullo sfondo resta una questione economica, legata alla mancata cessione in estate di Kakà

"Qui sei un giocatore importante. Non devi avere dubbi". José Mourinho alza la cornetta e telefona a Cristiano Ronaldo. L'attaccante portoghese del Real Madrid ha scatenato un putiferio con le dichiarazioni rilasciate domenica sera, dopo la vittoria per 3-0 contro il Granada. "Mi sento triste per motivi professionali", ha detto.

Ieri, con un messaggio affidato ai social network, ha chiarito che lo stato d'animo non è legato ad una questione finanziaria e a presunte richieste di ingaggi più ricchi. Come riferisce il quotidiano spagnolo Marca, José Mourinho non ha aspettato che Ronaldo usasse il web: il tecnico del Real Madrid già lunedì ha telefonato al calciatore, impegnato con la propria Nazionale, per chiudere rapidamente il caso.

"Tu qui sei un giocatore importante, non devi avere dubbi. Deve essere chiaro. Sei tenuto in grande considerazione e devi sentirti amato, puoi contare sul nostro affetto e ti aiuteremo in qualsiasi situazione. Ne parleremo quando sarai tornato. Devi sapere che siamo qui per ascoltarti e per aiutarti", è stato, in sostanza, il messaggio dello Special One. Ronaldo a quanto pare ha apprezzato molto le parole dell'allenatore, in attesa di un'ulteriore chiacchierata in programma quando l'attaccante rientrerà a Madrid.

Tutto risolto? Forse sì. In realtà, la questione finanziaria rimane sullo sfondo. Il quotidiano As chiama in causa Kakà per delineare un quadro a dir poco complesso. La mancata cessione del fantasista brasiliano ha complicato, e non poco, il mercato del Real Madrid. La partenza del verdeoro avrebbe consentito al club di tagliare un ingaggio pesantissimo e avrebbe liberato risorse da destinare, almeno in parte, a Ronaldo. Kakà, invece, alla fine è rimasto con il suo contratto  faraonico. Con conseguenze negative anche per la squadra di basket del Real Madrid: i blancos del 'baloncesto' avrebbero voluto ingaggiare un centro di livello assoluto, ma non hanno potuto completare l'operazione per mancanza di fondi.

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky