Caricamento in corso...
02 ottobre 2012

L’abito fa il Monachello, il Metalurg per diventare grande

print-icon

VITA DA EMIGRANTE. A 18 anni e mezzo la decisione di giocare nella Ukrainian Premier League. L’attaccante, ex Inter e Parma, vuole mettersi in mostra in un campionato che sta crescendo. Poi aspetterà una chiamata dall’Italia

di Augusto De Bartolo

Dalla calda Sicilia alla fredda Ucraina, passando per Milano e Parma, fino a Donetsk. Pur essendo all’inizio della sua carriera calcistica, Gaetano Monachello, di strada ne ha percorsa tanta. Lontano da casa fin da bambino nel tentativo di diventare un attaccante importante. L’esperienza nerazzurra lo ha forgiato, quella gialloblù gli ha consentito di mettersi in mostra tra i suoi coetanei: 12 gol nella Primavera e una semifinale al Torneo di Viareggio conquistata da trascinatore. Il tempo di giocare con i ragazzi è scaduto, il Metalurg è stato lesto a intravvedere in questo giovanotto le potenzialità del grande campione.

Gaetano a 18 anni via dall’Italia per giocare in Ucraina, spiegaci: ma cosa spinge un ragazzo così giovane a fare una scelta così radicale? Soldi? Carriera? Voglia di sperimentare un altro calcio?
“Innanzitutto dico che sono andato al Metalurg perché loro hanno un buon progetto. Il calcio ucraino è in forte crescita e lì finalmente ho la possibilità di giocare in prima squadra, in Italia non è stato possibile. Non devo restare qui a vita, diciamo che considero questa avventura come un trampolino di lancio. Poi non sono ipocrita, i soldi contano anche quelli, dopo molti sacrifici sia miei che della mia famiglia”.

Ma perché Inter o Parma non ti hanno trattenuto?
“Al Parma ero in prestito, io volevo restare lì perché ero tenuto in grande considerazione, ma l’Inter voleva farmi giocare ancora in Primavera e non mi avrebbe ceduto se non in un’operazione più ampia. E’ arrivato il Metalurg e attraverso l’agente di Yaya Touré hanno comprato il mio cartellino”.

E come sta andando?
“Molto bene, ho dovuto recuperare da un piccolo infortunio, e ora sono quasi pronto, devo mettere un po’ di minuti nelle gambe, ma ho segnato tre gol nell’amichevole della scorsa settimana, ci siamo quasi. Dal punto di vista umano è una bella esperienza. Ho casa da solo, ma devo anche pulire. C’è un ragazzo cipriota che mi aiuta a imparare l’inglese e mi accompagna agli allenamenti”.

Ne approfittiamo per chiederti dei prossimi avversari delle italiane in Champions e in Europa League: Shakhtar (oggi) e Dnipro (nella prossima giornata) che giocheranno contro Juve e Napoli. Che squadre sono?

“Lo Shakhtar è sicuramente la squadra più forte, c’è Lucescu che è un mago della panchina e davanti hanno giocatori molto forti (Luiz Adriano e Willian ndr). Pagano qualcosina a livello tattico in difesa, ma se la giocheranno. Il Dnipro, è la terza forza del campionato, li allena Juande Ramos che è esperto anche di calcio internazionale e hanno bravi giocatori come Giuliano e Matheus. Ma penso che entrambe le italiane possano vincere”.

Hai conosciuto Stramaccioni quando non era ancora allenatore della prima squadra dell’Inter, pregi e difetti?
“Il mister è preparatissimo e ha grande passione, cura tutto nel dettaglio anche se ha dovuto ricostruire la squadra. Un difetto, o meglio, una cosa da migliorare è la fase difensiva, prende troppi gol. Credo che l’Inter non sia da scudetto quest’anno ma nei prossimi tornerà di nuovo vincente”.

A livello giovanile hai giocato il derby Inter-Milan, giocherai quello tra Metalurg e Shakhtar, strano?
“Qui sarà davvero sentitissimo, sarà una vera battaglia, anche se loro sono strafavoriti”

Com’è Donetsk?
“Una città meravigliosa. Sarà perché ci sono stati gli Europei ma sono organizzati benissimo: viabilità, servizi, tecnologia ovunque. Poi c’è lo stadio dello Shakhtar che è meraviglioso, come l’Allianz si illumina di arancione e di blu. La vita non è molto cara, ma i prodotti italiani costano molto”.

Parma-Inter alla 14.a, per chi farai il tifo?
“Per il Parma, lì mi sono trovato benissimo, spero un giorno di poter tornare a giocare con loro”.

Giocatori e allenatori che cercano fortuna all'estero (In basso la mappa interattiva)

Nome Ruolo Età Squadra Campionato Nazione
Pierluigi Gollini P 17 Man Utd Premier League Inghilterra
Paolo Tornaghi P 24 Chicago Fire Mls Stati Uniti
Luigi Cennamo P 32 M. Netanya Liga ha'Al Israele
Gabriel Sava P 26 Drogheda Utd LOI Premier Div. Irlanda
Carlo Zotti P 30 Fc Wel Challenge League Svizzera
Alessandro Caparco P 29 Targu Mures Liga I Romania
Vito Mannone P 24 Arsenal Premier League Inghilterra
Giuseppe Ingrassia P 24 Cs Visé Belgacom League Belgio
Alessio Bugno D 22 Carlise United League One Inghilterra
Andrea Raggi D 28 Monaco Ligue II Francia
Nicola Cutolo D 25 Fk Tauras A-Lyga Lituania
Luca Marongiu D 25 Kk Tauras A-Lyga Lituania
Federico Mirarchi D 22 Fc Qormi Maltese PL
Malta
Mario Donadoni D 33 Targu Mures Liga I Romania
Marco Bianchi D 22 JK Kalju Meistriiliga Estonia
Giuseppe Pira D 20 Botev Vraca A PFG Bulgaria
Davide Grassi D 26 Dundee Fc Scottish Premier Scozia
Stefano Giannotta D 21 Cs Visé Belgacom League Belgio
Niccolò Perna D 22 Cs Visé Belgacom League Belgio
Fabio Calabrese D 23 Cs Visé Belgacom League Belgio
Alessandro Cibocchi D 30 Swindon Town League One Inghilterra
Iacopo La Rocca D 28 W. Sydney W. A-League Australia
Alessio Codromaz D 18 NK Domzale Prva Liga Slovenia
Ivan D'Angelo C 22 Dunfermline First Division Scozia
Manuel Pascali C 32 Kilmarnock Scottish Premier Scozia
Niccolò De Cesare C 22 Shumen 2010 B PFG Bulgaria
Gia. Demurtas C 20 Fk Tauras A-Lyga Lituania
Francesco Cattide C 26 Fk Tauras A-Lyga Lituania
Damiano Quintieri C 22 JK Kalju Meistiriiliga Estonia
Diego Vannucci C 24 HNK Rijeka Maxtv Prva Liga Croazia
Matteo Ballan C 23 Waikato Fc Asb Premiership N. Zelanda
Jacopo Sala C 21 Amburgo Bundesliga Germania
Stefano Napoleoni C 26 Levadiakos Superleague Grecia
Andrea Maccoppi C 25 Fc Vaduz Challenge League Svizzera
Max Ammendola C 21 Botev Vraca A PFG Bulgaria
Federico Conti C 24 Cs Visé Belgacom League Belgio
Diego Maradona Jr
C 22 Club Porvenir
Primera C
Argentina
Paltemio Barbetti C 23 Sliema Wand. Maltese PL Malta
Emanuele Morini C 30 Shumen 2010 B PFG Bulgaria
Cristian Battocchio C 20 Watford Championship Inghilterra
Marcello Trotta A 20 Fulham Premier League Inghilterra
Simone Bracalello A 27 Minnesota Stars Nasl Stati Uniti
Simone Quintieri A 30 Semarang Indonesian PL Indonesia
Andrea Mancini A 20 Valladolid B Tercera Division Spagna
Gaetano Monachello A 18 Metalurg Ukrainian PL Ucraina
Alessandro Beccaria A 24 Bali Devata Indonesian PL Indonesia
Boris Odwong A 21 R. Ghidighici Divitia Nationala Moldova
Raffaele De Vita A 25 Swindon Town League One Inghilterra
Matteo Prandelli A 23 Cs Visé Belgacom League Belgio
Roberto Floriano A 26 Botev Vraca A PFG Bulgaria
Marco Rossi All 48 Honved Nemzeti
Ungheria
Gianfranco Zola All 46 Watford Championship Inghilterra
Guglielmo Arena All 39 Cr Belouizdad LP 1 Algeria
Enrico Piccioni All 51 Shumen 2010 B PFG Bulgaria
Claudio Ranieri All 61 Monaco Ligue II Francia
Giovanni Scanu All 37 FK Tauras A-Lyga Lituania
Dario Bonetti All 51 D. Bucarest Liga I Romania
Giuliano Sonzogni All 63 Botev Vraca A PFG Bulgaria
Paolo Di Canio All 44 Swindon Town League One Inghilterra
Luciano Mancini All 56 Gambia Nazionale Gambia
Alfonso Greco All 43 Sliema Wand. Maltese PL Malta

GUARDA LA MAPPA INTERATTIVA



Visualizza Vita da emigrante, calciatori italiani all'estero in una mappa di dimensioni maggiori

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky