Caricamento in corso...
18 ottobre 2012

Terry accetta la squalifica e chiede scusa a Ferdinand

print-icon
ter

John Terry ha accettato la sanzione della FA per gli insulti razzisti ad Anton Ferdinand (Getty)

Il capitano del Chelsea ha deciso di non ricorrere in appello contro le quattro giornate di stop e l'ammenda di 220mila sterline che la FA gli ha inflitto per gli insulti razzisti rivolti al difensore del Qpr: "Il linguaggio che ho usato non è accettabile sui campo di calcio e anche in ogni situazione della vita"

John Terry accetta la sanzione della Football Association e a distanza di mesi di polemiche e di prese di posizione che hanno portato al divorzio tra la nazionale inglese e Fabio Capello, chiede scusa a tutti. Il capitano del Chelsea ha deciso di non ricorrere in appello contro le quattro giornate di squalifica e l'ammenda di 220mila sterline (circa 270mila euro) che la FA gli ha inflitto per gli insulti razzisti rivolti al difensore del Qpr, Anton Ferdinand.

"Dopo un attento esame - la dichiarazione che il giocatore ha affidato ai suoi rappresentanti -, ho deciso di non ricorrere in appello contro la sentenza FA. Voglio cogliere l'occasione per chiedere scusa a tutti per il linguaggio che ho usato nella partita contro il Queens Park Rangers dello scorso ottobre. Anche se sono deluso per la sentenza FA, riconosco che il linguaggio che ho usato, a prescindere dal contesto, non è accettabile sui campo di calcio e anche in ogni situazione della vita".

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky