Caricamento in corso...
28 novembre 2012

Pallone d'oro: Messi, Ronaldo o spazio alla sorpresa?

print-icon
can

Pirlo, Falcao, Messi, Ronaldo, Iniesta e Drogba: ecco i sei candidati più forti al Fifa Ballon d'or 2012 (Foto Ansa)

L'INCHIESTA. Abbiamo raggiunto quattro giurati per il Fifa Ballon d'Or. Con loro abbiamo ristretto la lista dei 23 a 6 nomi: i favoriti restano Messi e Ronaldo, poi ci sono Iniesta, Drogba e Falcao. Pirlo lotta per una posizione di prestigio. E Balotelli?

di Luciano Cremona

Non ci hanno detto per chi hanno votato, quello no, non potevano. Però abbiamo un quadro abbastanza chiaro. E ci avviciniamo al 29 novembre, data della scelta dei tre finalisti (il vincitore verrà poi proclamato il 7 gennaio a Zurigo), con le idee un po' più chiare. Parliamo di Pallone d’Oro, o Fifa Ballon d’Or, se preferite. E per capire un po' da che parte penderà la bilancia dei voti, abbiamo parlato con quattro giurati. Il voto del Pallone d'Oro, da quando France Football si è unita alla Fifa per questo premio, è composto da tre categorie di giurati: capitani e allenatori delle nazionali e un giornalista per ogni stato. Abbiamo contattato quattro esponenti dei media che ci hanno aiutato a capire le logiche di come, probabilmente, andrà il voto.

Per una volta potrebbe non essere la solita sfida tra Cristiano Ronaldo e Messi. O, almeno, ci potrebbe essere un terzo incomodo, pronto ad inserirsi. È la convinzione di tutti e quattro i giurati che abbiamo raggiunto: Paolo Condò (La Gazzetta dello Sport, Italia), Enrique Sacco (ESPNdeportes, Argentina), Francisco ‘Paché’ Andrade (RCN Radio, Colombia) e Elia Gorini (Smtv, San Marino). "Non possiamo esserne certi, ma è probabile che sia una sfida a due", dice Sacco. Anche se sia Gorini che Andrade mettono in guardia: "Potrebbe esserci l’inserimento di qualcun altro".

I nomi che vengono in mente sono Iniesta, Drogba e Falcao. Poi, forse, anche Pirlo. Supposizioni. "Iniesta è un nome forte", suggerisce Condò. "Ha vinto l'Uefa Best Player, premio dato dai giornalisti. Platini l'ha premiato dopo il fantastico Europeo". Un centrocampista che dà battaglia a due bulimici di gol? "Sarebbe un bel segnale", dice Gorini. “Anche se è storico che chi fa più gol, parte avvantaggiato".

Poi c’è la discussione su chi tra Drogba e Falcao potrà finire sul podio. Condò ci confessa che "al termine della finale di Champions, avrei votato d'istinto l'ivoriano: l'ha vinta praticamente da solo. Il fatto che si è trasferito in Cina, però, peserà molto sul voto". E questo è un parere comune a tutti i giurati. Su Falcao si sperticano le lodi, ma a sorpresa è proprio Andrade a smorzare i facili entusiasmi: "Ha fatto una stagione fantastica, ma Drogba ha vinto la competizione più importante a livello di club e il Chelsea ha più appeal dell'Atletico". Eppure, per Sacco, Falcao "è attualmente il miglior goleador in circolazione". E per Gorini "è potenzialmente da primi tre posti".

Il campo sembra restringersi. Messi verso il quarto riconoscimento? "Ma non vorrebbe dire che è il migliore di sempre o è migliore di Maradona – spiega Sacco -. Semplicemente ci troviamo nell'era Messi. Ma non facciamo confronti, sarebbe odioso". Il fatto è che la famosa democrazia di Blatter potrebbe portare a un risultato che non segue alcuna logica. Come nel 2010, quando Sneijder sembrava il preferito da tutti (e infatti i giornalisti per la maggior parte votarono per lui), mentre poi vinse, a sorpresa, Messi. "Sembrerà paradossale – spiega Condò – ma ormai è quasi più 'competente' il voto dei giornalisti rispetto a quello di calciatori e ct.., i quali tendono sempre a votare il migliore in assoluto. Va premiato, invece, il migliore della stagione. Poi certo, i voti di Vanuatu o di altri stati che non vivono proprio di calcio, incide".

Voti che arrivano da ogni parte del mondo. E se Pirlo magari non salirà sul podio, c'è attesa per vedere se Balotelli riuscirà a strappare qualche voto. Ed è interessante vedere come viene percepito oltre oceano il fenomeno SuperMario. Sacco: "È straordinario, eccentrico e molto giovane: qui ci domandiamo semplicemente perché non esulti quando fa gol, è l’unico al mondo!". Interessante l'analisi che arriva dalla Colombia. Andrade: "Qui ci sono tanti giovani di razza nera: se il Pallone d’Oro fosse assegnato dalla gente, Mario potrebbe già vincerlo, perché qui molti si ispirano a lui". Più che un'investitura insomma.

Per intanto ci accontentiamo di lui, Buffon e Pirlo nei 23, con quest'ultimo pronto a strappare un posto nei primi sei. "Ma occhio a Ibra. Il suo è stato il trasferimento dell'anno: prenderà parecchi voti", avvisa Condò. E allora non resta che aspettare. Ronaldo, Messi, Iniesta, Drogba, Falcao, Pirlo: comunque vada, non potremo dire che il vincitore non se lo sarà meritato.

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky