Caricamento in corso...
06 dicembre 2012

Insulti razzisti a Zokora: Emre rischia il carcere

print-icon
emr

Belozoglu Emre, ai tempi del Fenerbahce, affronta Eboue

Il fatto risale allo scorso aprile, quando il centrocampista ex-Inter giocava nel Fenerbahce. Con la nuova legge turca, che punisce la violenza nello sport, rischia una pena tra i sei mesi e i due anni

Emre Belozoglu, centrocampista turco in forza all'Atletico di Madrid, rischia di finire in carcere per un insulto a sfondo razzista lanciato contro un calciatore di colore.
La vicenda fa riferimento allo scorso mese di aprile, quando Emre giocava nel campionato di calcio di prima divisione in Turchia, vestendo i colori del Fenerbahce e fu sospeso per due turni per aver dato dello 'sporco negro' al collega del Trabzonspor, Didier Zokora.

Denunciato, il 32enne calciatore turco, che ha militato per alcuni anni in Italia con l'Inter, rischia adesso una pena detentiva tra i sei mesi e i due anni. Emre sarà giudicato in base alla nuova legge turca che punisce la violenza nello sport, compresi gli insulti razzisti.
Il centrocampista si è scusato per quanto avvenuto, dicendo che "a causa della foga agonistica, a volte capita di dire cose sbagliate e io ho usato una parola stupida e di questo mi voglio scusare".
Emre, tuttavia, appare recidivo: nel 2007, quando militava nella Premier League inglese con il Newcastle, rivolse, infatti, insulti razzisti contro Joleon Lescott e Tim Howard. A seguito di quegli episodi, il calciatore turco decise di lasciare il campionato inglese.

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky