Caricamento in corso...
14 dicembre 2012

Messi con i grandi di sempre: tra Michelangelo e... Doors

print-icon
lio

Leo Messi sta polverizzando ogni record (foto Getty)

Toccare la vetta più alta della carriera a 25 anni - o giù di lì - è capitato al genio rinascimentale (scolpisce la "Pietà") come alla band di Jim Morrison (incidono "The End"). Non ci sono riusciti Dante, Leonardo e i Pink Floyd...

di Alfredo Corallo

Secondo il Vangelo di Luca, Gesù iniziò la sua predicazione - e così i miracoli che accompagnavano le varie parabole - "quando ebbe circa trent'anni". Dante si cimentò nella "Divina Commedia" sulla soglia dei 40, più o meno come William
Shakespeare con l'"Amleto". Leonardo da Vinci porta a compimento "L'Ultima Cena" a 36 anni e la "Gioconda" a 50 suonati. I Pink Floyd compongono "The Dark Side of the Moon" nel 1973, che Waters, Mason, Wright e Gilmour erano tutti sulla trentina ("Syd" Barrett, che a 27 anni doveva essere il più giovane, era già uscito dalla band, sebbene l'album trarrà ispirazione proprio dalle "visioni psichedeliche" del chitarrista di Cambrigde).

Insomma, nessuno di questi grandi protagonisti della Storia (in rispettoso ordine cronologico o, se vogliamo, anche dall'alto verso il basso e viceversa, a liberissima interpretazione) riuscì a toccare quello che è notoriamente considerato l'apice della loro vita professionale, "terrena" almeno, all'età di Leo Messi. Il 25enne argentino - fresco di record di gol segnati in solo anno - è ormai lanciatissimo alla conquista del suo 4° Pallone d'oro, per giunta consecutivo, unico di sempre (per buona pace di Cruyff, Platini e van Basten, i "mortali" capaci di vincerlo in tre occasioni).

Portento - Nello spazio limitato di 7 anni e mezzo, dalla prima rete con il Barcellona del 1° maggio 2005 contro l'Albacete, la "Pulce" di Rosario non ha soltanto polverizzato ogni tipo di primato, ma si è già garantito un posto d'onore nella leggenda, che non può elevarlo a mito assoluto per via di un capriccioso cavillo, la Coppa del Mondo, esclusivo pezzo mancante al suo sterminato palmarès e ultimo baluardo cui Pelé e Maradona restano strenuamente aggrappati per contendergli ancora il trono di dio del calcio.   

Predestinati - Fatti salvi i dovuti paragoni per ovvie complessità della singola disciplina, alle spalle di Messi non mancano di certo casi in cui "mostri sacri" dell'arte, dalla letteratura al cinema, alla musica, raggiunsero precocemente la vetta. Michelangelo, ad esempio: scolpisce la "Pietà" poco più che ventenne, e la struggente opera marmorea conservata a San Pietro gli sarebbe bastata per l'immortalità. Identico il percorso di Giacomo Leopardi, che scrisse la poesia delle poesie, "L'infinito", tra i 20 e i 22 anni. Stessa genesi avrà "The End", il capolavoro dei Doors (con un Jim Morrison 24enne) e "Yesterday" dei Beatles (nel 1965 Paul McCartney e John Lennon andavano per i 23 e i 25.) La "principessa" Audrey Hepburn si aggiudicò l'Oscar per "Vacanze romane" da coetanea di Leo. E la sua favola era appena cominciata.

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky