Caricamento in corso...
14 dicembre 2012

Tigre, la rabbia dei tifosi: "Una finale attesa 83 anni"

print-icon

Emiliano Guanella, inviato per Sky a Buenos Aires, raccoglie le testimonianze dei sostenitori del club argentino dopo l'assurda finale contro il San Paolo : "Per noi era la partita della vita: avremmo meritato di giocarla". La Conmebol: "Indagheremo"

La stella a Tigre, in questi giorni, è Roger Federer: il tennista svizzero è stato invitato a partecipare a due match di esibizione contro l'idolo di casa, Del Potro.
Eppure è inevitabile, anche tra gli appassionati di tennis, tornare sui fatti della Copa Sudamericana, con l'assurdo epilogo della finale tra San Paolo e Tigre. Rabbia e delusione tra i tifosi argentini, che attendevano da anni una partita così prestigiosa.

La Confederazione Sudamericana di Calcio (Conmebol) nel frattempo si è detta "profondamente" dispiaciuta per gli incidenti accaduti nella finale di Coppa Sudamericana tra i brasiliani del San Paolo e gli argentini del Tigre  ed ha promesso che "indagherà per chiarire la situazione e in caso applicare le sanzioni". Davanti a quello che è accaduto mercoledì nello stadio Morumbì di San Paolo, "Conmebol ha deciso di aprire un fascicolo informativo e per questo è determinato a raccogliere tutte le segnalazioni dei funzionari della partita, e delle società coinvolte, così come gli elementi relativi ai fatti accaduti, al fine di stabilire chiaramente la realtà delle cose e in modo da applicare le corrispondenti sanzioni".

Attraverso un comunicato l'organismo rettore del calcio sudamericano ha reso noto che "l'arbitro della partita, Enrique Osses, nella sua relazione ufficiale, ha raccontato che, dopo i 15 minuti di riposo, ha cercato di persuadere più volte la squadra del Tigre di  rientrare in campo e continuare la partita. Oltre al tempo regolamentare, ha aspettato per 35 minuti, in totale 50 minuti, il ritorno in campo dei giocatori".

"Di fronte alla risposta negativa dei giocatori del Tigre che hanno addotto la mancanza di garanzie, di sicurezza e di aver subito un'aggressione, l'arbitro ha deciso di mettere fine alla sua inusuale attesa ed ha applicato il regolamento, determinando la conclusione della sfida con il risultato di 2-0 vigente fino al l'intervallo e che ha significato la consacrazione del San Paolo come campione del torneo". Secondo la Conmebol quello che è successo a San Paolo è stato "un fatto che punisce con estrema durezza il prestigio del calcio continentale", anche se precisa che "dall'aspetto sportivo, San Paolo e Tigre hanno lottato in una partita normale, con discussioni tipiche di una grande finale". Il Tigre ha presentato una protesta ufficiale al Conmebol e l'Afa ha annunciato il suo appoggio al club.

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky