Caricamento in corso...
04 gennaio 2013

Mancini chiude il caso-Balotelli: "Niente di speciale"

print-icon

"Sono cose che succedono, non c'è stata lotta", minimizza l'allenatore del Manchester City il giorno dopo l'accesa lite con SuperMario . "Non saranno presi provvedimenti, avrà altre chance, almeno finché vedrò che lavora duramente per questo club"

"Niente di speciale". Il giorno dopo l'accesa lite in allenamento con Mario Balotelli che attraverso alcune foto pubblicate dal 'Daily Mail' ha fatto il giro del mondo, Roberto Mancini tende a minimizzare.
"Stavamo giocando una partitella e Mario ha fatto un'entrata su un suo compagno che meritava due cartellini rossi e che preferirei vedere in una gara e non in allenamento - racconta il tecnico jesino - gli ho chiesto di lasciare il campo, ha detto no e allora l'ho preso per la maglia e l'ho spinto via, niente di speciale, non c'è stata lotta".

Mancini ammette di aver perso il controllo "per due secondi ma la cosa non sembra così grave come sembra, le foto hanno mostrato la parte peggiore di quello che è accaduto. Sono cose che succedono, non cambia niente tra me e Mario, né cambia l'opinione che ho di lui. Mario è così ma quello che è successo ieri non cambia nulla sul suo futuro qui. Se Mario avrà altre chance? Gliene darò altre 100 finché lo vedrò provare a migliorare e lavorare duro per questo club".
Mancini assicura che "non sarà preso alcun provvedimento perché la cosa si è risolta molto velocemente e il caso è chiuso".

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky