Caricamento in corso...
23 aprile 2013

Prandelli: "Il mio futuro? Prima un grande Mondiale"

print-icon

Dribbla le domande il ct della Nazionale tutto concentrato sull'Italia che a giugno affronterà la Confederations Cup: "Non penso a cosa accadrà". Poi sulle squadre italiane fuori dall'Europa: "Per fare bene occorrono i grandi campioni"

"Il mio futuro? Facciamo prima la gara di qualificazione con la Repubblica Ceca, poi la Confederations Cup, infine speriamo in un grande Mondiale e poi si vedrà. In questo momento penso solo alla Nazionale". A dirlo è il ct dell'Italia Cesare Prandelli. Partendo dalle competizioni europee da cui i club italiani sono stati tutti eliminati, Prandelli ha poi analizzato il momento del nostro calcio. "Le nostre squadre non devono pensare che non hanno dato il massimo. E' chiaro che per arrivare ai quei livelli devi avere giocatori di grande livello. Il salto di qualità te lo fanno fare i grandi giocatori - precisa Prandelli -. Anche due anni fa molti pensavano che non potessimo fare niente di meglio che stare a guardare gli altri. Dobbiamo avere il coraggio di avvicinarci all'Europa, dobbiamo avere una intensità maggiore in campionato".

Il tecnico azzurro ha poi parlato degli impegni dell'Under 21 e della Nazionale maggiore. "Europei Under 21 e Confederations Cup sono due competizioni molto importanti, aspetteremo la fine del campionato - prosegue Prandelli -. Abbiamo già pensato ai due gruppi ma dobbiamo ancora aspettare, non vogliamo togliere nulla all'Under né a chi può fare già parte della Nazionale maggiore". Infine un commento al momento di El Shaarawy: "Il Milan sa gestire i campioni e i ragazzi. Allegri con il Napoli ha scelto un altro giocatore, ma questa scelta non va a scalfire il suo grande campionato".

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky