Caricamento in corso...
13 maggio 2013

Prandelli pensa all'Italia: "Milan? Ho in mente il Mondiale"

print-icon
pra

Cesare Prandelli ha in mente solo la Nazionale (Getty)

Il ct della Nazionale risponde alle voci di mercato che lo vorrebbero presto sulla panchina rossonera: "Il mio unico obiettivo è centrare la qualificazione a Brasile 2014". Sul campionato: "Juve forte ma la Fiorentina ha espresso il miglior calcio"

"L'obiettivo è il Mondiale del 2014": Cesare Prandelli risponde così alle voci che prevedono per lui un futuro sulla panchina del Milan: "Noi abbiamo nella testa la voglia di arrivare prima possibile alla qualificazione Mondiale - ha chiarito il ct azzurro, a Milano per la cerimonia dei premi Gentleman - siamo in una buona posizione, poi l'obiettivo è arrivare a fare il Mondiale".

Il campionato - "E' stato un campionato caratterizzato dal predominio della Juventus, squadra che ha molti giocatori della Nazionale". E più in generale il campionato "ha messo in evidenza una crescita della qualità del gioco delle nostre squadre", ha spiegato il ct azzurro. "Sono contento anche che la lotta Champions sia aperta fino in fondo. In particolare la Fiorentina secondo me è la squadra che ha espresso il calcio migliore", afferma il tecnico azzurro. "Poi come finirà domenica non lo so, anche perché entrambe dovranno vincere le rispettive partite e in Italia questo non è mai facile".

Volti nuovi - Prandelli ha assicurato che in vista delle convocazioni per la Confederations Cup attingerà solo parzialmente dal bacino dei giocatori a disposizione di Devis Mangia per la fase finale dell'Europeo Under 21 in Israele: "Qualcuno lo convocherò per fargli fare esperienza, ma la squadra non sarà snaturata anche perché è impegnata in una competizione molto importante. Di certo nei due giorni di ritiro a Coverciano di settimana prossima ci saranno alcuni volti nuovi".

Totò&Totò - L'obiettivo è "allargare la rosa dei giocatori a mia disposizione e metterli a confronto con quelli che già da tempo frequentano la Nazionale. In generale cercheremo di far amalgamare il gruppo di quanti hanno fatto meglio all'Europeo con i giovani che il campionato sta lanciando", dice Prandelli. E alla domanda se farà un pensierino a Totò Di Natale per la spedizione in Brasile nel caso il prossimo anno il giocatore sara' ancora ai vertici della classifica marcatori, risponde: "Totò sorprende sempre, e poi ogni commissario tecnico quando fa le convocazioni deve sempre guardare la classifica cannonieri. Se un giocatore come Di Natale ogni anno si trova ai vertici per quanto riguarda i gol segnati questo vuol dire qualcosa. Spero il prossimo anno di avere questo dubbio". Porta ancora non definitivamente chiusa anche per Antonio Cassano: "Per il momento sto valutando alcuni giovani che si stanno mettendo in evidenza. Stimo molto Antonio, per cui se nel prossimo campionato dimostrerà di meritare una convocazione lo chiameò'".

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky