Caricamento in corso...
20 maggio 2013

Prandelli: "Qui col sorriso. Milan? Penso alla Nazionale"

print-icon

Il ct dell'Italia sta cercando di infondere una mentalità positiva nel gruppo azzurro: "Far parte di questa squadra deve essere una gioia". Sulle ipotesi circa un futuro in rossonero: "Ho un impegno con la Federazione e sono concentrato su questo"

"Quando c'è un ritrovo della Nazionale c'è sempre gioia. Dopo un campionato lungo, stressante e difficile c'è voglia anche di staccare un po'. Quando ci ritroveremo dovremmo presentarci con il sorriso. Questa è una Nazionale che deve avere sempre il sorriso". Lo ha dichiarato il ct della Nazionale italiana Cesare Prandelli, a Coverciano per la due giorni di test fisici in vista della prossima Confederations cup che si disputerà in Brasile.

Il razzismo - "Balotelli? Non ci siamo ancora confrontati sull'argomento razzismo, ma non lo faremo solo con lui, ma con tutti - ha aggiunto Prandelli -. Nel caso ricevesse cori razzisti entreremmo in campo e lo abbracceremmo, non facendolo uscire così dal campo".

Futuro rossonero?
- "Assolutamente no, ho preso un impegno con la Nazionale fino al 2014". Così Prandelli ha risposto ai giornalisti che gli chiedevano se fossero vere le voci di un suo possibile passaggio sulla panchina del Milan. "Da parte mia - ha sottolineato - c'è il massimo impegno e la massima concentrazione per la Nazionale".

Lo scudetto del gioco - "Per quanto riguarda la qualità del gioco, la Fiorentina meritava di vincere lo scudetto", ha prescisato ancora l'ex tecnico viola - la qualità del gioco della Fiorentina non l'ha espressa nessuna squadra in Italia". "Oltre alla Fiorentina - ha poi affermato il ct azzurro - altre squadre hanno costruito un buon gioco in questo campionato. La strada da percorrere è quella".

L'elogio di Allegri
- "Ha fatto un campionato strepitoso. La mia non è solidarietà, ma un attestato di stima - ha aggiunto - io sono per Allegri, i numeri parlano  per lui".

Premier League 2017-2018

Tutti i siti Sky